Monitoraggio lupo su neve

Documentazione applicativa per la ricerca scientifica

Monitoraggio lupo su neve

Messaggiodi Duccio » mercoledì 2 febbraio 2011, 16:38

MONITORAGGIO DEL LUPO SU NEVE: TECNICA, OBIETTIVI, STRATEGIE DI CAMPIONAMENTO
E SCALE DI APPLICAZIONE

Autore: Paolo Ciucci
Dipartimento di Biologia Animale e dell’Uomo, Università di Roma “La Sapienza”
Allegati
monitoraggio lupo su neve.pdf
(110 KiB) Scaricato 479 volte
Duccio Berzi, Presidente Canislupus Italia.

"Che siete colti ve lo dite da voi. Avete letto tutti gli stessi libri. Non c'è nessuno che vi chieda qualcosa di diverso". D.L.Milani
Avatar utente
Duccio
Presidente Canislupus Italia
 
Messaggi: 6358
Iscritto il: domenica 24 agosto 2008, 14:52

Re: Monitoraggio lupo su neve

Messaggiodi canis_n » lunedì 20 febbraio 2012, 19:49

Documento che ho letto prima di natale. Ricco di consigli pratici e metodologici.

Mi sono segnato un punto che nonostante sia scritto in italiano (:) ) non riesco a capire. Se qualcuno è così gentile da spiegarmelo: "Non tutte le tracciature sono valide per la quantificazione del comportamento di marcatura, dal momento che in alcune circostanze (scarsa profondità della neve, scioglimento, base di grossi alberi non innevati, etc.) eventuali marcature potrebbero non essere rilevate da un osservatore anche attento (Ciucci & Boitani 1999c): in questi casi specificare la relativa informazione nella scheda sinoptica della Tracciatura su neve." (§1.4.5).

Non capisco a cosa faccia riferimento quando dice "Non tutte le tracciature sono valide per la quantificazione del comportamento di marcatura": se una marcatura non riesco a rilevarla per scarsa profondità neve, scioglimento...è inficiata l'intera tracciatura oppure non tutte le tracciature hanno la stesso "peso"? Forse l'allegato 1 a cui fa riferimento Ciucci (ma che nel documento non è presente) potrebbe aiutarmi a capire. Mi rendo conto che può sembrare una domanda banale ma pur rileggendo più volte non capisco il senso.

grazie a chiunque saprà illuminarmi su questo (sicuramente) semplice passaggio

ciao, nico
Avatar utente
canis_n
Nuovo Utente
 
Messaggi: 30
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 19:25

Re: Monitoraggio lupo su neve

Messaggiodi Federico » lunedì 20 febbraio 2012, 21:36

canis_n ha scritto:Non capisco a cosa faccia riferimento quando dice "Non tutte le tracciature sono valide per la quantificazione del comportamento di marcatura": se una marcatura non riesco a rilevarla per scarsa profondità neve, scioglimento...è inficiata l'intera tracciatura oppure non tutte le tracciature hanno la stesso "peso"


La tracciatura su neve non ha il solo scopo di quantificare il comportamento di marcatura, serve anche a capire quali sono i percorsi abituali, a trovare eventuali rendez-vous, a misurare la consistenza del branco, comprendere l'utilizzo dell'habitat ecc. Certo che se durante il percorso si trovano fatte da sottoporre ad analisi del DNA tanto meglio, non trovarle credo che possa dare un peso diverso alla relativa traccia nel senso che probabilmente (tanto per fare un esempio) è un percorso che viene effettuato per semplici spostamenti all'interno del proprio territorio e non soggetto a marcatura in quanto centrale rispetto all'home-range (le zone di confine del territorio sono marcate massicciamente).

Questa la mia interpretazione.
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.
Avatar utente
Federico
Webmaster
 
Messaggi: 5906
Iscritto il: giovedì 4 settembre 2008, 1:14
Località: Prato

Re: Monitoraggio lupo su neve

Messaggiodi canis_n » martedì 21 febbraio 2012, 14:53

Federico ha scritto:
canis_n ha scritto:Non capisco a cosa faccia riferimento quando dice "Non tutte le tracciature sono valide per la quantificazione del comportamento di marcatura": se una marcatura non riesco a rilevarla per scarsa profondità neve, scioglimento...è inficiata l'intera tracciatura oppure non tutte le tracciature hanno la stesso "peso"


La tracciatura su neve non ha il solo scopo di quantificare il comportamento di marcatura, serve anche a capire quali sono i percorsi abituali, a trovare eventuali rendez-vous, a misurare la consistenza del branco, comprendere l'utilizzo dell'habitat ecc. Certo che se durante il percorso si trovano fatte da sottoporre ad analisi del DNA tanto meglio, non trovarle credo che possa dare un peso diverso alla relativa traccia nel senso che probabilmente (tanto per fare un esempio) è un percorso che viene effettuato per semplici spostamenti all'interno del proprio territorio e non soggetto a marcatura in quanto centrale rispetto all'home-range (le zone di confine del territorio sono marcate massicciamente).

Questa la mia interpretazione.


Grazie Federico!
ora ho capito....in effetti era semplice :roll:
ciao, nico
Avatar utente
canis_n
Nuovo Utente
 
Messaggi: 30
Iscritto il: domenica 11 dicembre 2011, 19:25


Torna a Protocolli di ricerca e monitoraggio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron