Paura del lupo

Tutto quello che non ricade nelle altre categorie!
Rispondi
Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7055
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Paura del lupo

Messaggio da hycanus » 19 apr 2010, 22:05

Il lupo ha paura dell' uomo e, almeno nei territori boschivi della nostra penisola cerca di evitarlo e di interagire con lui il meno possibile; questo è un dato di fatto che, salvo particolari situazioni che si potrebbero verificare, corrisponde alla situazione del momento.
Ma anche l' uomo ha paura del lupo, o almeno la maggior parte delle persone che non conoscono l' etologia del predatore e che si portano dietro credenze, racconti e aneddoti ormai radicati e difficilmente superabili. Questa paura è quindi culturale ma facilmente superabile.
Invece mi è capitato un fatto curioso...sono quattro mesi che faccio vedere a mio figlio foto e filmati dei lupi e gli dico di tutto di più, nel senso buono naturalmente, su questo animale. Lui ha appena tre anni e non aveva mai sentito parlare di lupi, l' unico che gliene parla sono io. Ebbene da un pò di tempo mi dice che ha paura delle tende e, alla domanda "che cosa c' è dietro la tenda", risposta...ci sono i lupi! E allora mi domando, dopo avergli detto che il lupo è un animale meraviglioso, che forma i branchi, che alleva i cuccioli e altro, mi viene fuori che ha paura dei lupi! Non sarà che nel suo DNA è impressa la paura di questo animale, come lo è per il cucciolo di lupo appena nato l' uomo?
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7055
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: Paura del lupo

Messaggio da hycanus » 19 apr 2010, 23:10

Ho trovato, a proposito, questo interessante link:
http://www.psicoanalisi.it/psicoanalisi ... a1113.html
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: Paura del lupo

Messaggio da fiore955 » 20 apr 2010, 11:13

Interessantissimo testo,trovo la teoria del "rigetto"estremamente rappresentativa dell'atavico timore.Per certi versi interpretazioni analoghe esistono per la paura del diverso in genere,come per la spiegazione che si tende a dare a fenomeni di attrazione verso persone che hanno commesso crimini efferati,come proiezione di nostri desideri o pulsioni latenti inespresse.

Avatar utente
franco
Moderatore
Messaggi: 2062
Iscritto il: 23 set 2008, 02:04
Località: Morbegno (So)
Contatta:
Re: Paura del lupo

Messaggio da franco » 20 apr 2010, 14:25

Molto bello ed interessante. Io non so se si può parlare di paura specifica del lupo o di una paura generale del predatore. Ricordo di aver letto che è stata dimostrata una paura innata nelle persone di qualcosa che si muove sopra di noi (tipo un felino che tende un agguato da un albero). Io ho sempre preso in mano serpenti e sono appassionato di orsi eppure questi animali abitano i miei sogni in contesti spesso "spaventosi".
Interessante argomento, complimenti
"Ci sedemmo dalla parte del torto perchè ogni altro posto era stato occupato"

Avatar utente
pigrofalco
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 6066
Iscritto il: 23 set 2008, 02:08
Località: Firenze
Re: Paura del lupo

Messaggio da pigrofalco » 16 mag 2010, 17:29

hycanus ha scritto:Il lupo ha paura dell' uomo e, almeno nei territori boschivi della nostra penisola cerca di evitarlo e di interagire con lui il meno possibile; questo è un dato di fatto che, salvo particolari situazioni che si potrebbero verificare, corrisponde alla situazione del momento.
Ma anche l' uomo ha paura del lupo, o almeno la maggior parte delle persone che non conoscono l' etologia del predatore e che si portano dietro credenze, racconti e aneddoti ormai radicati e difficilmente superabili. Questa paura è quindi culturale ma facilmente superabile.
Invece mi è capitato un fatto curioso...sono quattro mesi che faccio vedere a mio figlio foto e filmati dei lupi e gli dico di tutto di più, nel senso buono naturalmente, su questo animale. Lui ha appena tre anni e non aveva mai sentito parlare di lupi, l' unico che gliene parla sono io. Ebbene da un pò di tempo mi dice che ha paura delle tende e, alla domanda "che cosa c' è dietro la tenda", risposta...ci sono i lupi! E allora mi domando, dopo avergli detto che il lupo è un animale meraviglioso, che forma i branchi, che alleva i cuccioli e altro, mi viene fuori che ha paura dei lupi! Non sarà che nel suo DNA è impressa la paura di questo animale, come lo è per il cucciolo di lupo appena nato l' uomo?
Io direi che non c'è motivo di pensare che la paura verso il lupo non si sia fissata a livello genetico durante le ultime decine di migliaia di anni di evoluzione, ben prima dunque di qualunque eventuale (maggiore o minore) distorsione culturale relativa agli ultimi secoli.E' ragionevole pensare a mio avviso che nel contesto dell'evoluzione 'tecnica' raggiunta 5000-2000 anni fa l'uomo fosse predato pressochè abitualmente dal lupo e da altri carnivori.Di questo non può non essere rimasta traccia nel nostro DNA.La demonizzazione del lupo degli ultimi 3-4 secoli, che tale rimane, soprattutto relativa agli ultimi 2 con le stragi Americane su tutte, non può essersi basata a mio avviso su luoghi comuni sul modello 'caccia alle streghe', ma invece avrà preso le mosse da alcuni caratteri effettivi dell'interazione uomo/lupo fin lì vissuta.Ora, il problema della conservazione e tutela del lupo secondo me trascende del tutto l'antinomia lupo buono/lupo cattivo ed in tale direzione andrebbe indirizzato, per lo stesso banale motivo per cui ciò avviene ad esempio per i leoni o le tigri: la specie uomo non può eliminare le specie per lui potenzialmente pericolose, e invece a prescindere dalla grandezza del pericolo rappresentato deve tutelarle in quanto patrimonio di biodiversità.Che il lupo sia "buono" o meno verso l'uomo non può interessare se vogliamo tutelare questo animale, sennò al primo ipotetico, remoto e altamente improbabile graffio di un lupo a un fungaiolo ci troviamo tutti con le armi dialettiche spuntate.
Alessio Pieragnoli, Consigliere Canislupus Italia.

"Percorse convinto le strade dell'equilibrio e ogni volta che si trovò di fronte al bivio che indicava l'onestà tirò dritto, pensando ad uno scherzo."

Avatar utente
Duccio
Presidente Canislupus Italia
Messaggi: 6227
Iscritto il: 24 ago 2008, 14:52
Re: Paura del lupo

Messaggio da Duccio » 17 mag 2010, 09:43

pigrofalco ha scritto:Io direi che non c'è motivo di pensare che la paura verso il lupo non si sia fissata a livello genetico durante le ultime decine di migliaia di anni di evoluzione, ben prima dunque di qualunque eventuale (maggiore o minore) distorsione culturale relativa agli ultimi secoli.E' ragionevole pensare a mio avviso che nel contesto dell'evoluzione 'tecnica' raggiunta 5000-2000 anni fa l'uomo fosse predato pressochè abitualmente dal lupo e da altri carnivori.Di questo non può non essere rimasta traccia nel nostro DNA.La demonizzazione del lupo degli ultimi 3-4 secoli, che tale rimane, soprattutto relativa agli ultimi 2 con le stragi Americane su tutte, non può essersi basata a mio avviso su luoghi comuni sul modello 'caccia alle streghe', ma invece avrà preso le mosse da alcuni caratteri effettivi dell'interazione uomo/lupo fin lì vissuta.Ora, il problema della conservazione e tutela del lupo secondo me trascende del tutto l'antinomia lupo buono/lupo cattivo ed in tale direzione andrebbe indirizzato, per lo stesso banale motivo per cui ciò avviene ad esempio per i leoni o le tigri: la specie uomo non può eliminare le specie per lui potenzialmente pericolose, e invece a prescindere dalla grandezza del pericolo rappresentato deve tutelarle in quanto patrimonio di biodiversità. Che il lupo sia "buono" o meno verso l'uomo non può interessare se vogliamo tutelare questo animale, sennò al primo ipotetico, remoto e altamente improbabile graffio di un lupo a un fungaiolo ci troviamo tutti con le armi dialettiche spuntate.
Parole sante, pensate a quello che è successo e succede tutti i giorni agli squali di tutto il mondo dopo anni di film terroristici.
Duccio Berzi, Presidente Canislupus Italia.

"Che siete colti ve lo dite da voi. Avete letto tutti gli stessi libri. Non c'è nessuno che vi chieda qualcosa di diverso". D.L.Milani

Avatar utente
franco
Moderatore
Messaggi: 2062
Iscritto il: 23 set 2008, 02:04
Località: Morbegno (So)
Contatta:
Re: Paura del lupo

Messaggio da franco » 18 mag 2010, 10:09

non ho ben capito come si Quota ma quoto e sposo parola per parola quanto afferma pigrofalco
Franco
"Ci sedemmo dalla parte del torto perchè ogni altro posto era stato occupato"


Rispondi

Torna a “Varie”