Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Discussioni generiche riguardanti l'abiente e la natura
Rispondi
Avatar utente
DanieleC
Utente Master
Messaggi: 4247
Iscritto il: 23 set 2008, 01:53
Località: Val di Cornia (LI)
Contatta:
Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Messaggio da DanieleC » 01 dic 2010, 13:55

30-11-2010 - Animali: parco Sila, funziona progetto radiocollare gatto

Nel luglio scorso il Parco della Sila ha accolto la proposta di realizzare un progetto-pilota che consentisse il rilascio di due esemplari di Gatto selvatico nel territorio di provenienza, ricadente all'interno dell'area protetta del Parco, dotandoli di radiocollare per poterne seguire le fasi successive al rilascio mediante radiotelemetria (radiotracking) e studiarne le caratteristiche ecologiche e comportamentali, verificando l'adattamento degli animali all'ambiente naturale dopo un lungo periodo di cattività. Il 17 settembre scorso, un esemplare maschio di Gatto selvatico, dotato di radiotrasmittente, è stato rilasciato nel territorio del Parco Nazionale della Sila, nella località Cozzo del Principe. Il progetto ha dato fino ad ora risultati entusiasmanti. A più di due mesi dal rilascio, il Gatto selvatico si è spostato di circa 40 km da Cozzo del Principe e sembra aver trovato un'area da eleggere a proprio territorio. "Il progetto è unico in Europa- dichiara Mauro Tripepi- in quanto nessun altro individuo di Gatto selvatico è stato reimmesso in natura munito di radiocollare." Anche il presidente del Parco, Sonia Ferrari, sottolinea l'importanza di questo progetto e del risultato ottenuto finora, proprio nell'Anno Internazionale dedicato alla Biodiversità.(ANSA).

Link:
http://www.telereggiocalabria.it/news/1 ... gatto.html
Ascoltateli. I figli della notte... quale dolce musica emettono. (Dracula di Bram Stoker)
Natura e fotografia naturalistica.
Alta Maremma Camera Trapping

Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7055
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Messaggio da hycanus » 04 feb 2011, 21:43

Un interessante link sul gatto selvatico italiano:
http://rassegna.uniud.it/media/files-ra ... mi_ma_.pdf
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
Luciano
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 2669
Iscritto il: 23 set 2010, 06:08
Re: Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Messaggio da Luciano » 09 feb 2011, 21:15

hycanus ha scritto:Un interessante link sul gatto selvatico italiano:
http://rassegna.uniud.it/media/files-ra ... mi_ma_.pdf

Mi picerebbe sapere a cosa è dovuta questa affermazione contenuta nell'articolo (visto che non si parla ne di quantità ... ne ovviamente di densità!
.... Il Friuli è la loro regione preferita.....
miaoo. :D

Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7055
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Messaggio da hycanus » 09 feb 2011, 21:31

mi sembra che anche l' Emilia Romagna sia di buon gradimento per il gatto selvatico...vero Luciano? ;)
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
DanieleC
Utente Master
Messaggi: 4247
Iscritto il: 23 set 2008, 01:53
Località: Val di Cornia (LI)
Contatta:
Re: Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Messaggio da DanieleC » 03 mar 2011, 13:46

Gatto selvatico di 8kg trovato morto.

Un insolito rinvenimento di fauna selvatica è stato fatto alcuni giorni fa nel Comune di Pozzuolo: si tratta di un esemplare di gatto selvatico (Felis Silvestris), notato da una guardia faunistica nella frazione di Terenzano. Il territorio comunale si conferma così, anche per la presenza della zona naturalistica del Cormôr, ospitale per diverse specie di animali selvatici: a diversi caprioli ed alcuni cinghiali, si aggiunge ora l’avvistamento di questo raro felino, non dimenticando l’eccezionale presenza dello sciacallo dorato, canide particolarmente protetto, segnalato anni fa nella zona dell’ex conceria Cogolo.
Ma torniamo al gatto selvatico rinvenuto a Terenzano. «Si tratta di un esemplare di sesso femminile, genere particolarmente protetto e di particolare interesse faunistico. E’ singolare la presenza di una femmina di gatto selvatico: infatti nel periodo degli amori risultano più frequenti, piuttosto, i recuperi di esemplari di sesso maschile, data la loro tendenza allo spostamento per la ricerca di nuovi territori», spiega Alberto Della Vedova, agente provinciale del servizio recupero fauna e residente a Pozzuolo, che l’ha rinvenuto sulla carreggiata, sicuramente investito, in prossimità dell’uscita della Tangenziale sud nella zona di via Lumignacco.
«Per abitudine osservo sempre gli animali che vengono investiti – aggiunge Della Vedova -, ma quando ho intravisto quel gatto sul ciglio erboso ho capito subito che non si trattava del solito gatto domestico e ho provveduto immediatamente al recupero».
Ma non può trattarsi di un gatto comune, magari più grosso? «Il gatto selvatico – spiega l’agente – si distingue, rispetto a quello domestico, da un corpo più massiccio, dalle striature nere che, partendo dalla testa si sviluppano lungo la colonna vertebrale fino in prossimità della coda, dagli inconfondibili anelli neri presenti sulla folta e soffice coda, dal caratteristico mantello con pelo lungo fitto e soffice di color grigio giallastro; il peso può arrivare a 8 chili. Il suo habitat preferito sono i boschi con anfratti rocciosi e aree cespugliate, si muove principalmente al crepuscolo e di notte».
Del rinvenimento è stato informato il dottor Luca Lapini del museo di storia naturale di Udine, al fine di effettuare i relativi accertamenti sull’animale. In caso di rinvenimenti di fauna selvatica ferita o in difficoltà o morta (sia solo per animali faunisticamente importanti quali orsi, linci, sciacalli, gatti selvatici; non per caprioli e cinghiali, ormai comuni) si può contattare il numero verde della Provincia 800961969 attivo dalle 7

Link:
http://aldorossi.splinder.com/post/2422 ... vato-morto
Ascoltateli. I figli della notte... quale dolce musica emettono. (Dracula di Bram Stoker)
Natura e fotografia naturalistica.
Alta Maremma Camera Trapping

Avatar utente
DanieleC
Utente Master
Messaggi: 4247
Iscritto il: 23 set 2008, 01:53
Località: Val di Cornia (LI)
Contatta:
Re: Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Messaggio da DanieleC » 16 mar 2011, 23:33

Notizia del: 16/03/2011
Area protetta: PN Sila
Fonte: PN Sila


Oggi su "Libero" un articolo dedicato al progetto del Radiotracking del gatto selvatico nel Parco Nazionale della Sila
PN Sila

"Tigri da giardino". Questo è il titolo dell'articolo a firma di Marinella Meroni, pubblicato oggi 16 marzo sul quotidiano d'informazione "Libero", diretto da Vittorio Feltri, nel quale la Meroni racconta ai lettori l'ambizioso programma - proposto dal C.I.P.R. (Comitato Italiano per la protezione degli Uccelli Rapaci) e finanziato dall'Ente Parco Nazionale della Sila - che ha consentito il rilascio di un esemplare di gatto selvatico a Cozzo del Principe, nel Parco. Qui era stato trovato quando aveva poco più di un mese e poi ricoverato presso il C.R.A.S. (Centro di Recupero Animali Selvatici) di Rende, gestito dal C.I.P.R..
Ora il gatto selvatico è di nuovo libero e, dotato di radiocollare, è possibile studiarne le caratteristiche ecologiche e comportamentali, verificando il suo adattamento all'ambiente naturale dopo un lungo periodo di cattività.
Link:
http://www.parks.it/news/dettaglio.php?id=12711
Ascoltateli. I figli della notte... quale dolce musica emettono. (Dracula di Bram Stoker)
Natura e fotografia naturalistica.
Alta Maremma Camera Trapping

Avatar utente
DanieleC
Utente Master
Messaggi: 4247
Iscritto il: 23 set 2008, 01:53
Località: Val di Cornia (LI)
Contatta:
Re: Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Messaggio da DanieleC » 17 mar 2011, 14:07

Il gatto selvatico si diffonde nel Giura svizzero

La popolazione di gatti selvatici in Svizzera è attualmente stimata ad alcune centinaia di esemplari, soprattutto nelle zone ricche di boschi del Giura. Una popolazione stabile potrebbe quindi insediarsi in questa regione.

Negli ultimi decenni, il gatto selvatico ha ripopolato il Giura svizzero. Attualmente si stimano dai 450 ai 900 esemplari su una superficie di circa 600 chilometri quadrati. Uno studio commissionato dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) e svolto fra il 2008 e il 2010 nei Cantoni dell’arco giurassiano conferma questi dati. L’area rilevata si è limitata al Giura svizzero in quanto tutti gli avvistamenti di gatti selvatici degli ultimi decenni provenivano da tale regione. Ciò si spiega con il fatto che il gatto selvatico è protetto a livello europeo e che quindi le sue popolazioni sono di nuovo in crescita. La specie è diffusa in molte parti del Canton Giura e nelle zone limitrofe dei Cantoni di Basilea Campagna, Soletta e Berna. Una popolazione più ridotta è presente anche nei boschi del versante meridionale del Giura vodese. Il gatto selvatico predilige aree caratterizzate da buoni collegamenti tra gli habitat e dall’alternanza tra boschi e pascoli.
Il gatto selvatico è stato decimato nel XVIII e nel XIX secolo
In Svizzera, il gatto selvatico è protetto, e nelle Liste rosse appare ancora come specie “fortemente minacciata”. La caccia intensa nel XVIII e nel XIX secolo ha causato una forte diminuzione delle popolazioni di gatti selvatici nel Giura e addirittura portato alla loro estinzione nell’Altopiano.
In considerazione degli attuali rilevamenti e del contatto fra la popolazione svizzera e quella francese, più numerosa, appare opportuno declassare il gatto selvatico a una categoria di minaccia inferiore. Lo status definitivo del gatto selvatico sarà definito l’anno prossimo in occasione della revisione parziale della Lista rossa dei mammiferi. Tale declassamento è tuttavia possibile solo se la popolazione di gatti selvatici in Svizzera non si incrocia con quella dei gatti domestici (cfr. riquadro).
RIQUADRO
L’incrocio fra le specie può minacciare le popolazioni di gatti selvatici
Nonostante abbiano antenati comuni, l’evoluzione dei gatti domestici e di quelli selvatici è stata diversa. Il gatto selvatico è una specie europea. Il gatto domestico discende per contro dal gatto selvatico asiatico o africano ed è stato portato in Europa come gatto domestico dal Medio Oriente. Da allora queste due specie vivono una accanto all’altra, anche se il gatto selvatico, più timoroso, vive lontano dall’uomo. L’aspetto del gatto selvatico è molto simile a quello del gatto domestico tigrato.
In seguito all’estensione delle aree insediative, il gatto selvatico entra sempre più in contatto con i gatti domestici in libertà. Ciò può portare a incroci (ibridazione) fra il gatto selvatico e quello domestico da cui nascono esemplari (ibridi) capaci di procreare. In alcune regioni europee, in particolare in Ungheria e in Scozia, l’ibridazione minaccia fortemente il gatto selvatico o ne ha addirittura provocato l’estinzione. Tale minaccia non può essere esclusa nemmeno in Svizzera dato che sono già stati individuati degli esemplari ibridi nella popolazione indigena di gatti selvatici. Uno studio attualmente in corso analizza il grado di ibridazione dei gatti selvatici con i gatti domestici svizzeri.

Data: 17 marzo 2011 Ora 10:03, Svizzera
Link:
http://www.ticinolive.ch/svizzera/il-ga ... 13653.html
Ascoltateli. I figli della notte... quale dolce musica emettono. (Dracula di Bram Stoker)
Natura e fotografia naturalistica.
Alta Maremma Camera Trapping

Avatar utente
franco
Moderatore
Messaggi: 2062
Iscritto il: 23 set 2008, 02:04
Località: Morbegno (So)
Contatta:
Re: Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Messaggio da franco » 17 mar 2011, 14:36

Ma secondo voi è una specie in forte incremento ed espansione oppure semplicemente ultimamente si pone più attenzione ad essa? Perchè qui sbucano Gatti selvatici da ogni angolo.
Oppure entrambe le cose
"Ci sedemmo dalla parte del torto perchè ogni altro posto era stato occupato"

Avatar utente
pigrofalco
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 6066
Iscritto il: 23 set 2008, 02:08
Località: Firenze
Re: Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Messaggio da pigrofalco » 17 mar 2011, 14:42

franco ha scritto: Perchè qui sbucano Gatti selvatici da ogni angolo.
:lol: quoto la battuta, per il resto bella la domanda Franco
Alessio Pieragnoli, Consigliere Canislupus Italia.

"Percorse convinto le strade dell'equilibrio e ogni volta che si trovò di fronte al bivio che indicava l'onestà tirò dritto, pensando ad uno scherzo."

Avatar utente
Duccio
Presidente Canislupus Italia
Messaggi: 6227
Iscritto il: 24 ago 2008, 14:52
Re: Gatto selvatico (Felis silvestris silvestris)

Messaggio da Duccio » 17 mar 2011, 16:27

Probabilmente tutte e due; c'è da rilevare che negli ultimi anni c'è stata una espansione e crecita demografica notevolissima anche tra piccoli mammiferi tipo gli scoiattoli e i ghiri (ma probabilmente anche altri gliridi e sciuridi meno comuni) che rappresentano una delle prede principali del gatto selvatico. La crescita delle prede è legata all'avvenuta maturazione, e quindi entrata in produzione di seme, di molte delle piante che costituiscono i nostri boschi decidui che nei decenni scorso sono stati poco sfruttati.
ciao, d
Duccio Berzi, Presidente Canislupus Italia.

"Che siete colti ve lo dite da voi. Avete letto tutti gli stessi libri. Non c'è nessuno che vi chieda qualcosa di diverso". D.L.Milani


Rispondi

Torna a “Non solo lupo”