!!! Bocconi avvelenati !!!

Discussioni generiche riguardanti l'abiente e la natura
Rispondi
Avatar utente
plutino
Utente Super-Attivo
Messaggi: 363
Iscritto il: 24 nov 2008, 16:26
Località: Portico di Romagna
!!! Bocconi avvelenati !!!

Messaggio da plutino » 31 dic 2009, 18:35

scusate se posto argomento proprio l'ultimo giorno dell'anno, ma lo faccio con la speranza che l'anno nuovo ci porti a riflettere e capire!!!!!! purtroppo con dispiacere vi devo dire che la settimana scorsa nella mia zona, sono morti più di trenta cani (tartufo da caccia,e non solo),sia fuori parco che dentro!!! oggi facendo l'ultimo giro dell'anno con i miei cani mi sono trovato di fronte a questo!
Immagine

scusate lo sfogo,ma da amante della natura e di tutti gli animali non riuscirò mai ad accettare queste cose!!!
ciao enrico

Avatar utente
DanieleC
Utente Master
Messaggi: 4247
Iscritto il: 23 set 2008, 01:53
Località: Val di Cornia (LI)
Contatta:
Re: bocconi avvelenati

Messaggio da DanieleC » 01 gen 2010, 12:40

Hai fatto benissimo ad informare gli utenti del forum...
sono segnalazioni importanti...grazie.
Ascoltateli. I figli della notte... quale dolce musica emettono. (Dracula di Bram Stoker)
Natura e fotografia naturalistica.
Alta Maremma Camera Trapping

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: bocconi avvelenati

Messaggio da Federico » 01 gen 2010, 13:41

Grazie della segnalazione.
Speriamo che l'allarme rientri presto e che i responsabili siano individuati.
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
DAVIDE78
Utente Master
Messaggi: 1597
Iscritto il: 23 set 2008, 01:56
Località: faenza
Contatta:
Re: bocconi avvelenati

Messaggio da DAVIDE78 » 04 gen 2010, 17:04

segnalazione davvero importante..speriamo che davvero prendano l'autore di questo ignobile gesto... :evil:

Avatar utente
manzone gianfranco
Utente Super-Attivo
Messaggi: 485
Iscritto il: 21 feb 2009, 23:34
Località: serralunga d alba
Re: bocconi avvelenati

Messaggio da manzone gianfranco » 08 gen 2010, 01:38

come gia scritto altre volte , niente è piu vile , disumano , ignobile e bastardo di colui che mette i bocconi.........

Avatar utente
DAVIDE78
Utente Master
Messaggi: 1597
Iscritto il: 23 set 2008, 01:56
Località: faenza
Contatta:
Re: bocconi avvelenati

Messaggio da DAVIDE78 » 08 gen 2010, 17:45

manzone gianfranco ha scritto:come gia scritto altre volte , niente è piu vile , disumano , ignobile e bastardo di colui che mette i bocconi.........


quoto in pieno.

Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7055
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: bocconi avvelenati

Messaggio da hycanus » 02 mar 2010, 23:16

PROVINCIA DI FIRENZE
Ambiente, animali avvelenati
in un anno casi triplicati
Rispetto al 2008 si è registrato un balzo da 163 a 484 episodi di animali avvelenati in provincia di Firenze. E tra gli animali che hanno assunto esche avvelenate, 402 sono morti. Se nel 2008 le vittime erano essenzialmente cani (128) e gatti (28) nell'ultimo anno gli animali più colpiti sono stati i piccioni (252) e le galline (100), seguiti da cani (97) e gatti (19)


Triplicati nel 2009 in Provincia di Firenze i casi di animali avvelenati. Questi i dati riportati dalla Polizia Provinciale, che li rende noti nella statistica per l'anno 2009 sull'avvelenamento animali nella Provincia di Firenze. Rispetto al 2008 si è registrato un balzo da 163 a 484 episodi. E tra gli animali che hanno assunto esche avvelenate, 402 sono morti.
Se nel 2008 le vittime erano essenzialmente cani (128) e gatti (28) nell'ultimo anno gli animali più colpiti sono stati i piccioni (252) e le galline (100), seguiti da cani (97) e gatti (19).
La ferocia dei criminali non ha risparmiato però animali quali il lupo (1) che pure è specie in via d'estinzione, a cui nel 2009 è stata dedicata una campagna promossa dalla Provincia ('Attenti al lupo), e lo scoiattolo (4 le vittime).
Se i delitti sono aumentati le denunce nel 2009 sono invece lievemente calate: 165 segnalazioni a fronte delle 192 dell'anno precedente. I veleni più utilizzati sono stati endosulfan, fosfuro di zinco e metaldeide. I periodi di maggior attività per gli avvelenatori sono stati marzo, agosto e settembre.
In cima alla truce classifica troviamo i comuni di Firenze con 21 casi, Montespertoli con 16 e Reggello con 9. Accanto ai fenomeni di avvelenamento la Polizia Provinciale di Firenze si è occupata anche di episodi di bracconaggio e maltrattamenti. Le cifre sono altrettanto agghiaccianti.
Le specie maggiormente colpite sono stati fagiani, uccelli e animali da cortile (75). Inquietante anche il dato sulla selvaggina tassidermizzata a scopo di richiamo: 227 gli esemplari registrati. Dal 1996 la Provincia di Firenze, sensibile al grave fenomeno dell'avvelenamento degli animali, coordina l'azione di prevenzione e il perseguimento di questo tipo di reato. Questa subdola forma di barbarie reca danno ad esseri indifesi e minaccia la popolazione introducendo veleni nell'ambiente.
L'azione delle forze dell'ordine oltre "a tutelare gli animali che soccombono per la crudeltà umana ha anche l'obbiettivo di garantire la pubblica incolumità dai prodotti tossici immessi sconsideratamente nel suolo".
Così sottolinea il resoconto fornito dalla Polizia Provinciale, che si occupa quotidianamente del problema. La affiancano le Associazioni ambientaliste, animaliste e venatorie, nonché il Nucleo Guardie Zoofile dell'Ente Nazionale Protezione Animali di Firenze.
Partecipano anche i Carabinieri, il Corpo Forestale dello Stato e le Polizie Municipali di Comune e Provincia. Gli esami sui bocconi letali sono condotte dall'Istituto Zooprofilattico Sperimentale per Lazio e Toscana. Gli operatori vengono istruiti a riconoscere le varie tipologie di esche avvelenate attraverso corsi preparatori promossi dalla Regione Toscana e dalla ASL Servizi Veterinari.
(02 marzo 2010)

Fonte: http://iltirreno.gelocal.it/
Link: http://iltirreno.gelocal.it/dettaglio/a ... ti/1875428
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: bocconi avvelenati

Messaggio da fiore955 » 03 mar 2010, 12:11

Sono sempre più dell'idea che il bracconaggio superi gli investimenti come causa di mortalità specie fra i selvatici,proprio per via della maggiore difficoltà oggettiva di riscontro che grava anche su una porzione di territorio enormemente maggiore rispetto alle arterie di comunicazione,e mi risulta di non essere l'unico a ritenerlo.

Avatar utente
DanieleC
Utente Master
Messaggi: 4247
Iscritto il: 23 set 2008, 01:53
Località: Val di Cornia (LI)
Contatta:
Re: bocconi avvelenati

Messaggio da DanieleC » 25 mar 2010, 13:50

Bocconi avvelenati alle porte di Firenze

24/3/2010 - Morti di cani, gatti e animali selvatici continuano a susseguirsi per il criminoso utilizzo di bocconi avvelenati in provincia di Firenze.
La denuncia di WWF, LAV, Italia Nostra, Ceda


Morti di cani, gatti e animali selvatici continuano a susseguirsi per il criminoso utilizzo di bocconi avvelenati. Anche se tutta la Provincia di Firenze è colpita, vi sono aree dove il fenomeno è particolarmente e tristemente diffuso. Di particolare gravità il caso delle colline che da Firenze giungono all’Impruneta, dove anno dopo anno questa illecita e vergognosa pratica continua a mietere vittime in una zona, fra l’altro, che è densamente abitata e a due passi dai centri urbani. La denuncia è stata diffusa oggi a Firenze nel corso di una conferenza stampa promossa da WWF, LAV, Italia Nostra, Ceda.

I numeri
I numeri purtroppo parlano chiaro, tanto più che si riferiscono alla ‘punta dell’iceberg’ del fenomeno, cioè solo la piccola percentuale conosciuta dei casi realmente accaduti. Negli ultimi 3 anni i dati noti alle Associazioni, derivanti sia dalla lista delle denunce giunte alla Polizia Provinciale di Firenze sia da notizie raccolte in loco da persone direttamente colpite, indicano come nel Comune di Impruneta e nelle sue immediate vicinanze, sul versante di queste colline che si porta verso Firenze, sono conosciute almeno 20 avvelenamenti (singoli o multipli, spesso mortali) e/o di ritrovamento di esche avvelenate. Gli animali colpiti sono stati 15 cani, 1 gatto, 50 lepri, 1 volpe; in due casi sono state rinvenute esche avvelenate, fortunatamente rimosse prima che potessero espletare la loro macabra funzione. Altri animali, in particolare numerosi gatti, sono ‘spariti’ in modo molto sospetto. Sottolineiamo come tali numeri siano solo una piccola percentuale di quanto in realtà succede, perché ovviamente nulla si sa delle morti degli animali selvatici e anche per quanto riguarda gli animali domestici non tutti i casi vengono denunciati.

Le cause
Tanti dati e le sentenze di tribunali, oltre che l'intensificarsi degli avvelenamenti nei mesi primaverili o in quelli di fine estate (subito dopo e subito prima la stagione venatoria, in corrispondenza delle attività di ripopolamento di lepri e fagiani), le connessioni con istituti faunistico-venatori nonché il frequente recupero, durante le perquisizioni domiciliari, di trappole, tagliole, lacci, animali illecitamente abbattuti, armi e pallottole, indicano la responsabilità di alcuni ambienti venatori nella diffusione di questo fenomeno criminoso. Un fenomeno che anno dopo anno continua a portare ad una morte atroce un numero elevatissimo di animali domestici e selvatici. Come si sa, poi vi possono essere anche altre motivazioni alla base di questo triste fenomeno: l’insofferenza verso gli animali randagi, la volontà di tutelare pollame o altri animali domestici da possibili predazioni, le schermaglie fra cercatori di tartufi e simili, ma tutti i dati indicano come causa prevalente la persecuzione degli animali predatori operata da cacciatori laddove vengono effettuate attività di ripopolamento di fagiani e lepri per finalità di caccia. In particolare non va dimenticato che le leggi che disciplinano l’attività venatoria, soltanto dal 1977 prevedono il divieto di usare esche avvelenate fino ad allora consentite.

Le concause
Le concause sono l’indifferenza e la sottovalutazione nei confronti di questo crimine. Il fenomeno degli avvelenamenti continua perché ben poco si fa per contrastarlo. Le Istituzioni cosa fanno? Abbiamo solo pochi esempi di concreto impegno, come nel caso della Polizia Provinciale di Firenze che ha attivato un gruppo di lavoro specifico sul problema, cosa che ha permesso l’individuazione in numerosi casi dei responsabili degli avvelenamenti. Salvo questa rara situazione di eccellenza, in questi anni si è parlato di questo problema solo grazie a cittadini e a Associazioni che hanno voluto denunciare questo crimine nascosto e lavorare per contrastarlo. La stessa legge regionale su questo tema ormai nel 2001, resta in gran parte inapplicata. Dov’è la lista delle sostanze più usate dagli avvelenatori da sottoporre a restrizioni e controlli nel commercio? Dove sono le iniziative dei Comuni sulla messa in sicurezza delle aree colpite con tabellazione di pericolo e azioni di bonifica? Dove sono le attività di sensibilizzazione e messa a conoscenza della cittadinanza su questo pericolo che purtroppo ogni giorno è accanto a noi? Dove sono, salvo casi particolari e purtroppo limitati, concreti impegni da parte delle Forze dell’Ordine per contrastare efficacemente questo crimine? Dove sono azioni di ‘dissuasione’ del fenomeno andando ad incidere su quelle che sono le cause di questo fenomeno (in primis i legami che in molti casi si evidenziano con l’attività venatoria)?

Le richieste di WWF, LAV, Italia Nostra, Ceda
Le Associazioni e molti cittadini di Impruneta hanno nei giorni scorsi inviato una lettera al Sindaco in cui si richiede un forte impegno dell’Amministrazione comunale a contrastare il fenomeno, ad iniziare dalla tabellazione di pericolo delle aree colpite e da iniziative di bonifica di queste.
Lo stesso chiediamo a tutti i Comuni interessati dal fenomeno. E’ fondamentale avvisare la cittadinanza del pericolo, che ricade in primis sugli animali, ma potrebbe anche andare a colpire i bambini che possono giocare inconsapevoli in queste aree (o vogliamo aspettare che un bambino venga a contatto con queste sostanze?). Nello stesso tempo è importante dare agli avvelenatori un segnale che la loro azione non passa inosservata.
E’ necessario un potenziamento in genere degli organici delle Polizie Provinciali (attualmente senza dubbio inadeguati per svolgere i loro compiti di vigilanza sul territorio) e in particolare un loro aumentato impegno specifico sul tema degli avvelenamenti. Nello stesso tempo è importante che anche le altre Forze dell’Ordine facciano la loro parte e non considerino questo un crimine di secondo ordine. In questi ultimi anni sentenze di tribunali hanno finalmente dimostrato che per bocconi avvelenati si può essere condannati, togliendo quell’aura di impunità che fino ad oggi aveva caratterizzato questo crimine. E’ fondamentale continuare questo lavoro.
L’ordinanza Ministeriale 18 dicembre 2008 prevede un Tavolo di Coordinamento delle iniziative sul tema coordinato dalla Prefettura. A Firenze tale Tavolo si è riunito una sola volta. Chiediamo chetale Tavolo sia mantenuto attivo e operativo e funga da snodo delle azioni per contrastare questo crimine
Bisogna arrivare, e con urgenza, alla stesura da parte della Regione di quell’elenco di sostanze venefiche maggiormente utilizzate che è previsto dall’art. 10 della legge regionale in modo da sottoporre tali sostanze a commercio controllato (molte invece delle sostanze usate nei bocconi sono oggi di libero commercio e questo rende molto difficile risalire ai responsabili di tali atti criminosi)
Le istituzioni devono avviare concrete e diffuse campagne di sensibilizzazione e informazione della cittadinanza, azione fondamentale per far conoscere il problema e creare un isolamento intorno ai responsabili
Si deve lavorare per individuare le cause del fenomeno, affrontarle apertamente e senza reticenze (in Toscana parlare in negativo di caccia per la maggior parte dei politici rimane ad oggi un tabù), individuare azioni che ne contrastino il legame con gli avvelenamenti. Fra queste un’azione fondamentale sarebbe introdurre il divieto di caccia e di attività agro-silvo-pastorali come la raccolta di funghi e tartufi nelle aree colpite da avvelenamenti e attivare con procedure rapide la sospensione o revoca dell’autorizzazione di istituti faunistico-venatori , laddove si riscontrino legami fra la presenza di questi e gli avvelenamenti.
Le normative vigenti specificamente sulla materia sia a livello regionale (LR 39/2001) sia a livello nazionale (Ordinanza ministeriale 18 dicembre 2008 – ‘Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati’) danno precisi compiti e doveri alle Istituzioni, Sindaci in primis. E’ ora che davvero ci si muova e con forza. Lo strazio delle morti da avvelenamenti deve sparire dalle colline di Impruneta e da tutto il nostro territorio.


Link:

http://www.wwf.it/client/ricerca.aspx?r ... &content=1
Ascoltateli. I figli della notte... quale dolce musica emettono. (Dracula di Bram Stoker)
Natura e fotografia naturalistica.
Alta Maremma Camera Trapping

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: bocconi avvelenati

Messaggio da fiore955 » 25 mar 2010, 15:23

Il problema è assai delicato e spinoso,spaziando da una vera e propria riforma della giustizia fino ad un più equo ridisegno della legge finanziaria.Perchè ditemi,cosa realmente rischierebbe chi venisse colto sul fatto?Semplice,basta leggere il solito quotidiano per saperlo. Potenziare gli organici?Bello in teoria,ma in concreto vengono tagliati i fondi su scala nazionale a tutte le forze dell'arma,organici patologicamente sottodimensionati quando non smantellati,mezzi obsoleti ed inadeguati,spesso costringono ad operare nella logica del "fai da te".Divieto di caccia nelle zone colpite?Giustissimo nella solita teoria,in pratica guardiamo quanto viene fatto nelle zone interessate dagli incendi boschivi e poi ditemi se anche qui non esistono lacune,superficialità,scarsa considerazione del problema ambientale quando addirittura non vi sia una malcelata connivenza con taluni ambienti da parte di coloro che amministrano...La cultura del "finchè non ci scappa il morto facciamo come gli struzzi"è purtroppo,volente o nolente,quella che risulta più comoda ed economica da applicare nella maggior parte dei casi,se non nella loro totalità.Scusate,ma da quello che vedo il mio pessimismo cosmico diventa ogni giorno sempre meno distinguibile da una tragica realtà.Non dico che non credo possibile operare un cambiamento,quello di cui ho paura è che per farlo occorrerà troppo tempo rispetto alla necessità del momento,occorrerebbe un epocale cambio di rotta in un momento storico nel quale generazioni di classi dirigenti corrotte ed avide hanno lasciato le casse vuote e le coscienze rassegnate.


Rispondi

Torna a “Non solo lupo”