Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Segnalazione di Convegni, Congressi, Seminari, Workshop, ecc relativi al Lupo o alla natura in genere
Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7056
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Messaggio da hycanus » 10 nov 2013, 00:18

Immagine
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7056
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Messaggio da hycanus » 10 nov 2013, 00:21

Io e la Claudia con l' attestato di partecipazione :!:

Immagine
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7056
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Messaggio da hycanus » 10 nov 2013, 00:23

E per finire le bellissime montagne del Parco della Maiella:

Immagine
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
AttentiAiLupi
Utente Attivo
Messaggi: 164
Iscritto il: 21 set 2010, 23:28
Re: Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Messaggio da AttentiAiLupi » 10 nov 2013, 11:22

Grazie Luca!
per quanto mi riguarda sono molto soddisfatto del convegno, diverse le relazioni interessanti e molti gli spunti su cui poter provare a lavorare in futuro (almeno dal punto di vista sanitario).
Dispiace che l'ultimo giorno quando l'argomento era il conflitto lupo-zootecnia, mancassero come al solito i diretti interessati, parlo di associazioni allevatori, singoli allevatori, coldiretti, amministrazioni pubbliche...questo è stato il grosso limite. Ce le veniamo a raccontare tra di noi, ed è tutto molto bello e interessante, ma cui prodest?


p.s. ero "leggermente" emozionato... :D

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Messaggio da fiore955 » 10 nov 2013, 19:01

hycanus ha scritto:Miha Krofel:

Immagine
Davvero mi dispiace non essere potuto venire, uno di quegli eventi "globali" che non bisognerebbe perdere.
Luca, se puoi, in particolare mi interesserebbe conoscere un riassunto di quanto esposto da Krofel sui lupi neri, se trova concordi anche le note teorie esposte da Davide Palumbo sullo stesso argomento.

Avatar utente
Duccio
Presidente Canislupus Italia
Messaggi: 6227
Iscritto il: 24 ago 2008, 14:52
Re: Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Messaggio da Duccio » 10 nov 2013, 20:09

Grazie Luca per l'ottimo report. Simone mi aveva invitato a presentare qualcosa sulla mitigazione dei danni, ma purtroppo ero inguaiato sul fronte allevatori e non sono potuto venire, anche se, detto tra di noi, questi eventi mediatici dopo tanti anni li vivo sempre più con diffidenza. Poi magari vi spiego perchè....

ciao, d.
Duccio Berzi, Presidente Canislupus Italia.

"Che siete colti ve lo dite da voi. Avete letto tutti gli stessi libri. Non c'è nessuno che vi chieda qualcosa di diverso". D.L.Milani

Avatar utente
pigrofalco
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 6066
Iscritto il: 23 set 2008, 02:08
Località: Firenze
Re: Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Messaggio da pigrofalco » 10 nov 2013, 20:49

Ottimo inizio Luca !! Ora diventa per noi irrinunciabile conoscere il succo di ognuno degli interventi dei cui relatori hai anticipato i nomi :P !!
Alessio Pieragnoli, Consigliere Canislupus Italia.

"Percorse convinto le strade dell'equilibrio e ogni volta che si trovò di fronte al bivio che indicava l'onestà tirò dritto, pensando ad uno scherzo."

Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7056
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Messaggio da hycanus » 10 nov 2013, 22:46

fiore955 ha scritto: Luca, se puoi, in particolare mi interesserebbe conoscere un riassunto di quanto esposto da Krofel sui lupi neri, se trova concordi anche le note teorie esposte da Davide Palumbo sullo stesso argomento.
Ciao Roberto, ti ringrazio...come ho però già detto, tre giorni intensivi di notizie sul lupo da tutte le parti del mondo, mi hanno lasciato un po di confusione, nel senso che non tutti gli interventi sono stati assimilati dal sottoscritto in egual misura...mettici le difficoltà legate alla traduzione in simultanea (io purtroppo non capisco l' inglese corrente).
Alcune relazioni mi sono rimaste impresse e le ricordo piuttosto bene. Quella del Dr. Krofel purtroppo non la ricordo benissimo...forse la Claudia si. Credo che probabilmente ne potrà sapere qualcosa di più Stefano Pecorella che ha avuto modo di rapportarsi con Miha più frequentemente.
pigrofalco ha scritto:Ottimo inizio Luca !! Ora diventa per noi irrinunciabile conoscere il succo di ognuno degli interventi dei cui relatori hai anticipato i nomi :P !!
Per quanto mi riguarda appena posso proverò a dettagliare gli interventi che più mi sono rimasti impressi. 8-)
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
lorenzo lazzeri
Moderatore
Messaggi: 1758
Iscritto il: 12 nov 2012, 14:57
Re: Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Messaggio da lorenzo lazzeri » 11 nov 2013, 09:28

Complimenti Luca e grazie per il reportage. ;)

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: Majella 6-8 novembre'13-"Stati generali sul lupo".

Messaggio da fiore955 » 11 nov 2013, 17:38

http://gaianews.it/ambiente/estinzione- ... 47871.html

"11/11/2013
Si è concluso venerdì scorso a Caramanico Terme (PE) l’International Wolf Congress, convegno di chiusura del progetto europeo LIFE Wolfnet, che ha visto confrontarsi esperti e scienziati provenienti da oltre dieci paesi sulla gestione del lupo.
Il lupo, grande predatore, perseguitato nei secoli scorsi fino ad essere quasi estinto nel nostro paese, torna ad abitare i luoghi che un tempo gli erano propri, ma affrontando molte minacce. Fra queste, in prima linea, quella del bracconaggio. Secondo gli esperti che si sono confrontati al congresso risultato purtroppo comune la pratica di confezionare esche utilizzando organi interni di animali da allevamento come conigli, cui vengono mescolate sostanze tossiche provenienti dall’agricoltura quali metaldeide o endosulfan-α.
Rosario Fico, del Centro Referenza Nazionale per la Medicina Forense Veterinaria di Grosseto, ha spiegato come il primo step da seguire sia in questi casi l’identificazione, a breve raggio, degli allevamenti che trattano gli animali utilizzati come esca e di fondamentale importanza risulti in seguito l’esame del DNA, grazie al quale è effettivamente possibile accertare il reato: lo dimostrano i 3 casi di bracconaggio risolti negli ultimi dieci anni in Italia.
Il dott. Atturo del Servizio di Polizia Provinciale di Genova ha sottolineato come esistano sempre degli spunti investigativi, e quanto portarli avanti sia essenziale e produttivo. Valga come esempio il caso, citato da Atturo, del lupo ucciso e ritrovato senza muso nel 2008. Il sospettato indossava una collana composta da 10 denti di canide, e proprio l’esame del DNA, confrontato con quello di un campione di tessuto muscolare prelevato dal cadavere, permise di accertare la colpevolezza dell’uomo, in seguito condannato.

Vasto spazio è stato poi dedicato alla gestione del lupo nell’ottica di una, per quanto possibile, pacifica convivenza con l’uomo. Traguardo non sempre facile da raggiungere, come dimostra l’esperienza reatina, illustrata dal prof. Andrea Amici dell’Università della Tuscia. In seguito al ritrovamento di una lupa ferita nell’area del Terminillo e successivamente curata in un centro di riabilitazione, il gruppo di ricercatori guidato dal prof. Amici ha avviato, contestualmente al rilascio dell’animale, un progetto di monitoraggio basato su tecnologia GPS. Notevole è stata la risonanza dell’evento, tanto da suggerire l’avvio di un sondaggio, condotto da intervistatori qualificati in 5 comuni della provincia di Rieti tramite questionario a risposta multipla, per verificare l’opinione della comunità.
Il 64% degli intervistati ha affermato di non vedere di buon occhio il rilascio di un lupo, e le preoccupazioni maggiori sembrerebbero riguardare gli animali domestici. I risultati hanno oltremodo evidenziato una scarsa conoscenza rispetto a finalità ed organismi cui competono i rilasci. Necessaria sembrerebbe quindi in alcuni casi un’attività di educazione ed informazione, per coinvolgere la comunità locale in quella che, va ricordato, è attività di conservazione di una specie protetta, e come tale ha bisogno dell’accettazione e della benevolenza soprattutto di coloro che il territorio lo vivono.
Dell’interazione tra lupo ed animali domestici si è parlato a lungo, soprattutto in relazione alla positiva esperienza del Parco Nazionale della Majella (PNM). I numeri relativi ai danni arrecati al bestiame, tra i più bassi mai registrati, rendono quello della Majella un interessante case study. Secondo quanto riportato da Simone Angelucci, veterinario del PNM, l’indennizzo economico annuo corrisposto dal parco agli allevatori si aggirerebbe attualmente sui 20-25mila euro: indice, questo, di come ottimi risultati siano stati raggiunti nella gestione del “conflitto” uomo-lupo grazie allo sviluppo di interessanti ed innovative misure di prevenzione e mitigazione del danno, messe in pratica anche alla luce di risultati estremamente significativi emersi da recenti studi, secondo i quali gli animali domestici rappresenterebbero solo il 5% degli animali predati dal carnivoro, che, stando sempre ai dati, preferirebbe di gran lunga il cinghiale.
Il dott. Angelucci ha poi evidenziato come casi di predazione multipla, nei confronti soprattutto di ovini, si verifichino spesso in pascoli cespugliati e in condizioni meteo di nebbia o pioggia, sottolineando quindi come i danni al bestiame possano essere minimizzati grazie ad un maggiore controllo del gregge (spesso lasciato in condizioni di semi-abbandono) con l’ausilio di cani, e tramite un corretto utilizzo di recinzioni elettrificate, spesso presenti, ma non funzionanti.
Al sistema di indennizzo economico, di cui comunque si è lamentata la lentezza e la difficoltà burocratica, è stata poi nel parco della Majella affiancata una pratica di restituzione del capo predato, secondo cui è possibile per gli allevatori ricevere, al posto del corrispettivo monetario, capi selezionati provenienti da due greggi di cui si è dotato il parco.
A questo punto, esiste davvero un problema lupo? Secondo quanto emerso al convegno, no.
Annette Mertens, Life project Manager, ha sottolineato come per molti allevatori ed abitanti la questione sia soprattutto emozionale: le difficoltà ci sono, a partire dalla mancanza di acqua e ripari fino ai problemi relativi alla stima dei danni, basata spesso su prezzi all’ingrosso. A prevalere è tuttavia spesso un senso di abbandono, di rabbia, una mancanza di fiducia nelle autorità: in queste condizioni chiamare in causa il lupo è spesso l’unico modo di essere ascoltati."


Rispondi

Torna a “Convegni”