Impronte: confronto e analisi.

Discussioni su comportamento, riproduzione, alimentazione, segni di presenza
Rispondi
Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: Impronte: confronto e analisi.

Messaggio da fiore955 » 08 feb 2014, 16:21

Trovate oggi, fresche nel fango ed in grande numero. Il cell è 11cm. Sempre Parco dei Gessi.

Immagine

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: Impronte: confronto e analisi.

Messaggio da fiore955 » 08 feb 2014, 16:22

Immagine

Avatar utente
Dario
Utente Master
Messaggi: 1039
Iscritto il: 18 mag 2009, 17:11
Località: Livorno
Re: Impronte: confronto e analisi.

Messaggio da Dario » 08 feb 2014, 16:23

Bel posteriore ;) Non mi pare ci sia il ponte carnoso, che comunque non è obbligatorio

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: Impronte: confronto e analisi.

Messaggio da fiore955 » 08 feb 2014, 16:24

Immagine

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: Impronte: confronto e analisi.

Messaggio da fiore955 » 08 feb 2014, 16:25

Immagine

Avatar utente
Luciano
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 2669
Iscritto il: 23 set 2010, 06:08
Re: Impronte: confronto e analisi.

Messaggio da Luciano » 08 feb 2014, 21:01

Se il cell è 11 cm, ... le impronte non sono più di 8 cm; .. mi paiono un po' piccine e poco compatibili.
Il substrato non consente analisi molto dettagliate, direi genericamente .... canide di medie dimensioni.

L.

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: Impronte: confronto e analisi.

Messaggio da fiore955 » 09 feb 2014, 12:19

Luciano ha scritto:Se il cell è 11 cm, ... le impronte non sono più di 8 cm; .. mi paiono un po' piccine e poco compatibili.
Il substrato non consente analisi molto dettagliate, direi genericamente .... canide di medie dimensioni.

L.
Certo, come già è stato espresso in questo forum, quello del rilevamento di possibili impronte di lupo singole restano spesso, più che altro, un mero esercizio di stile, più che la prova del nove di in eventuale transito (che esiste solo con il fototrappolaggio o con l'analisi genetica dei reperti, e in parte, con il ritrovamento di una pista). Quindi per te lupo poco probabile? Per le prime due foto potrei anche, in parte, essere d'accordo con te, ma anch'io, come Dario, non escluderei che possano essere di piede posteriore, ma le due successive, almeno come dimensioni, mi pare potrebbero essere compatibili, dato che sembrano almeno pari alla lunghezza del cell.
Ebbene, in zona ho due FT, e nelle schede recuperate ieri mattina non vi sono cani (che, tra l'altro, in zona non sono presenti come vaganti), mentre un considerevole passaggio di lupi in questo periodo è presente, numericamente secondo solo a quello dei cinghiali, cosa che fino ad ora non mi era mai capitata con tale frequenza, e che mi lascia ben sperare per la scelta di un possibile rendez vous...e si ritorna al mio accenno di prefazione.

Avatar utente
Stefano P
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 2214
Iscritto il: 10 nov 2011, 09:44
Re: Impronte: confronto e analisi.

Messaggio da Stefano P » 02 gen 2015, 14:21

Tanto per variare un po' dalle solite impronte singole su cui stiamo sempre a discutere... ;)

Qui c'è qualche foto di una pista di lupo vecchia di due giorni che abbiamo seguito il 30 dicembre. Siamo nelle Prealpi Carniche della provincia di Pordenone, dove da un anno si è stabilito un lupo maschio ("Lasko") di probabile provenienza dinarico-balcanica.

https://plus.google.com/u/0/photos/+Ste ... 6807598337

Come in altre occasioni, abbiamo notato che questo lupo non utilizza molto i sentieri principali, probabilmente anche perché qui le pendenze sono lievi e si può muovere senza fatica in ogni direzione. Era chiaramente in comportamento di caccia: scartava bruscamente, si infilava fra rocce e arbusti e sembrava seguire tracce olfattive di ungulati. Nel suo percorso ha infatti visitato numerosi giacigli di cervi e caprioli. Abbiamo trovato anche quattro marcature con urina, di cui una in un posto apparentemente casuale e tre in posizioni strategiche: su un alberello a lato di un sentiero e su dei grossi ciuffi d'erba ai margini di un pratone.

Piccola curiosità: come avevamo già notato lo scorso inverno, le impronte di questo lupo sono davvero grosse (quasi 12 cm in lunghezza) e non presentano la callosità fra i polpastrelli del 3° e 4° dito tipica negli esemplari della pop.ne italiana.

Ciao, S.
Stefano, Consigliere Canislupus Italia.

Avatar utente
Luposvizzero
Nuovo Utente
Messaggi: 1
Iscritto il: 28 gen 2016, 09:27
Re: Impronte lupo???

Messaggio da Luposvizzero » 28 gen 2016, 09:34

[b]This is a Canis aureus![/b][size=200][/size]


[quote="Luciano"][quote="pigrofalco"]Luciano nessuna ostinazione, l'impronta è compatibile come dimensioni ma a mio avviso è difficile dire di più ....... ...
..........
......... sono tutte considerazioni che oltre un certo limite diventano sul sesso degli angeli.[/quote]

D'accordo su tutto il fronte Alessio; .... io però mi riferivo all'opportunità o meno di dare giudizi un po' più "precisi" ... quando diversi elementi concordano, ... senza limitarsi sempre a: "canide" ... o "compatibile".
Ripuntualizzo il mio modo di vedere le cose a riguardo ;) (scusate la minestra "riscaldata")
Premesso che non si può avere la certezza assoluta del fatto che un'orma appartenga o meno ad un lupo, ... ci si può però sbilanciare verso una realistica probabilità ... in base alla somma di alcune caratteristiche: dimensioni, contesto, presenza del ponte carnoso, orma allungata (definita dalla posizione "arretrata" dei polpastrelli laterali .. rispetto alla coppia degli anteriori), caratteristiche della pista.
La contemporanea presenza-compatibilità di tutti questi 5 elementi ... ritengo possa consentirci di attribuire tranquillamente l'orma.

Relativamente al ponte carnoso ... e alla forma dei "piedi" del lupo ... io la vedo così:
La zampa posteriore è solitamente più stretta e allungata di quella anteriore e la linea ideale che collega la sommità dei polpastrelli laterali ... è praticamente in linea con la parte più centrale dei polpastrelli anteriori. Piede posteriore:
[img]http://i14.servimg.com/u/f14/14/71/94/44/ponte_11.jpg[/img]


nel piede anteriore tale linea interseca invece praticamente sempre ... e in modo più o meno pronunciato ... i polpastrelli anteriori; in pratica quindi lo "spazio vuoto" centrale ... è maggiore nel piede posteriore. Piede anteriore:
[img]http://i14.servimg.com/u/f14/14/71/94/44/ponte_10.jpg[/img]

Nell'immagine seguente si può vedere una "comparazione diretta"; ... si tratta di impronte sovrapposte di una posteriore che sopravanza e schiaccia leggermente l'anteriore. Si può ben notare come nell'impronta posteriore la linea tangente la sommità dei polpastrelli laterali, ... intersechi relativamente poco i polpastrelli centrali, ... mentre nell'anteriore (esattamente come nelle zampe che ti ho mostrato) tale linea li interseca piuttosto avanti (considerate che il polpastrello centrale posteriore .. ha parzialmente deformato quello laterale anteriore)
[img]http://i14.servimg.com/u/f14/14/71/94/44/ponte_12.jpg[/img]

Un paio di considerazioni importanti, legate al ponte carnoso, sono relative alle sue dimensioni e posizione: la prima è che, essendo situato nella parte più posteriore dei polpastrelli (spesso arcuato all'indietro), quando è sottile risulta poco o nulla visibile nelle tracce;
la seconda considerazione (a mio avviso molto importante) ... è che, se il ponte è presente, i due polpastrelli saranno comunque "solidali" e non ci saranno quindi "sfalsature" di allineamento.
Per mancanza di sfalsature indendo il fatto che i due polpastrelli non si muovano in maniera indipendente ..... mantenendosi appaiati e ravvicinati, anche in impronte su superfici accidentate o in forte pendenza (per questo è sempre importante valutare delle "serie" di impronte); .... l'uniformità e costanza nelle impronte di tale allineamento, la mancata separazione dei polpastrelli centrali .... e il conseguente sottile filetto che li separa, sono dei buoni indici di determinazione della presenza del ponte (quando non è direttamente visibile).

Un ultimo paio di immagini (perdonatemi :roll: ) relative a questo ultimo discorso, .... la prima è un'impronta su neve in cui la presenza del ponte è chiaramente percepibile (anche qualora non fosse visibile); di fronte a un'impronta come questa io sono disposto a "sbilanciarmi" ... al punto da attribuirla ad un piede posteriore di lupo.
[img]http://i14.servimg.com/u/f14/14/71/94/44/poster10.jpg[/img]

La seconda è invece relativa ad un'orma in cui si vede un disassamento longitudinale ... tale da indicare l'assenza del ponte carnoso; forma e dimensioni non consentono però alcuna attribuzione probabile:
[img]http://i14.servimg.com/u/f14/14/71/94/44/disass10.jpg[/img]

L.[/quote]


Rispondi

Torna a “Conoscere il Lupo”