Cosa era e da chi è stato predato o consumato?

Qualsiasi argomento non riguardante il Lupo
Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7055
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Cosa era e da chi è stato predato o consumato?

Messaggio da hycanus » 26 giu 2013, 13:33

Ieri pomeriggio in appennino Pistoiese ho trovato quella che in apparenza sembrava una spiumata, poi ho visto che si trattava di tanti "batuffolini" di pelo insieme a quella che sembrerebbe una coda...secondo me potrebbe essere quel che rimane di un ghiro o di uno scoiattolo. Ma chi potrebbe averlo predato?

Immagine
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7055
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: Cosa era e da chi è stato predato o consumato?

Messaggio da hycanus » 26 giu 2013, 13:33

Immagine
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
pigrofalco
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 6066
Iscritto il: 23 set 2008, 02:08
Località: Firenze
Re: Cosa era e da chi è stato predato?

Messaggio da pigrofalco » 26 giu 2013, 14:01

hycanus ha scritto: Ma chi potrebbe averlo predato?
Non possiamo sapere se è stato predato o solo consumato :mrgreen:
Alessio Pieragnoli, Consigliere Canislupus Italia.

"Percorse convinto le strade dell'equilibrio e ogni volta che si trovò di fronte al bivio che indicava l'onestà tirò dritto, pensando ad uno scherzo."

Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7055
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: Cosa era e da chi è stato predato o consumato?

Messaggio da hycanus » 26 giu 2013, 14:07

pigrofalco ha scritto:
hycanus ha scritto: Ma chi potrebbe averlo predato?
Non possiamo sapere se è stato predato o solo consumato :mrgreen:
Si, certamente...ho dato per scontato che si trattasse di una predazione e non ho considerato il solo consumo. Grazie, ho corretto il titolo del topic.
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: Cosa era e da chi è stato predato o consumato?

Messaggio da fiore955 » 26 giu 2013, 14:46

Personalmente l'unico sospetto che mi viene in mente è che possa essere stato consumato e/o predato da un rapace diurno piuttosto che da un notturno o da un mammifero. Il tipico "spiumamento" della preda è più tipico del loro tipo di consumo, credo che un mammifero avrebbe ingoiato anche i peli che sarebbero poi stati espulsi con le feci, mentre un rapace notturno avrebbe poi emesso il pelo tra le sostanze indigerite attraverso le borre. Nei rapaci diurni (astore e poiana ad esempio), invece, ho potuto assistere a questo genere di operazione preliminare. Più di così non mi sbilancio. :oops:

Avatar utente
Duccio
Presidente Canislupus Italia
Messaggi: 6227
Iscritto il: 24 ago 2008, 14:52
Re: Cosa era e da chi è stato predato o consumato?

Messaggio da Duccio » 26 giu 2013, 16:11

D'accordo con le ipotesi di fiore, tra l'altro l'astore sta tornando a nidificare in molti dei nostri boschi appenninici
Duccio Berzi, Presidente Canislupus Italia.

"Che siete colti ve lo dite da voi. Avete letto tutti gli stessi libri. Non c'è nessuno che vi chieda qualcosa di diverso". D.L.Milani

Avatar utente
Luciano
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 2669
Iscritto il: 23 set 2010, 06:08
Re: Cosa era e da chi è stato predato o consumato?

Messaggio da Luciano » 26 giu 2013, 22:41

Secondo me non è stato ne predato ... ne consumato; ... se ne sta in qualche cantuccio a ringraziare la sua buona stella!
fiore955 ha scritto: .... Il tipico "spiumamento" della preda è più tipico del loro tipo di consumo, credo che un mammifero avrebbe ingoiato anche i peli che sarebbero poi stati espulsi con le feci, mentre un rapace notturno avrebbe poi emesso il pelo tra le sostanze indigerite attraverso le borre. Nei rapaci diurni (astore e poiana ad esempio), invece, ho potuto assistere a questo genere di operazione preliminare. ....
I rapaci diurni ... (ma anche i notturni) difficilmente ingoiano interi, scoiattoli o ghiri, .... solitamente li 2fanno a brandelli .... però non tolgono il pelo ... ma eseguono una sorta di scuoiatura (totale o parziale) ... che lascia sempre in ogni caso una vistosa traccia; il gufo reale ad esempio, quando si ciba dei ricci (preda frequentissima) li scuoia totalmente rigirando la pelle con abilità chirurgica, ... e si ritrovano abbastanza di frequente queste pelli "rovesciate".
Ciuffi di pelo o pezzetti di coda ... senza tracce di sangue o altro ... credo siano più probabilmente indicatori di un tentativo di predazione non riuscito.

L.

Avatar utente
Duccio
Presidente Canislupus Italia
Messaggi: 6227
Iscritto il: 24 ago 2008, 14:52
Re: Cosa era e da chi è stato predato o consumato?

Messaggio da Duccio » 26 giu 2013, 22:57

Beh, è probabile che il rapace abbia lasciato parte della carcassa del ghiro e che questa sia stata portata via da altri animali.
Spiumature così per me sono solo da rapace.
Ho difficoltà a credere che l'animale dopo un trattamento del genere se ne sia andato con le sue zampe!
Duccio Berzi, Presidente Canislupus Italia.

"Che siete colti ve lo dite da voi. Avete letto tutti gli stessi libri. Non c'è nessuno che vi chieda qualcosa di diverso". D.L.Milani

Avatar utente
fiore955
Utente Master
Messaggi: 2403
Iscritto il: 16 feb 2010, 16:54
Località: San Lazzaro di Savena
Re: Cosa era e da chi è stato predato o consumato?

Messaggio da fiore955 » 26 giu 2013, 23:25

Luciano ha scritto:I rapaci diurni ... (ma anche i notturni) difficilmente ingoiano interi, scoiattoli o ghiri, .... solitamente li 2fanno a brandelli .... però non tolgono il pelo ... ma eseguono una sorta di scuoiatura (totale o parziale) ... che lascia sempre in ogni caso una vistosa traccia; il gufo reale ad esempio, quando si ciba dei ricci (preda frequentissima) li scuoia totalmente rigirando la pelle con abilità chirurgica, ... e si ritrovano abbastanza di frequente queste pelli "rovesciate".
Ciuffi di pelo o pezzetti di coda ... senza tracce di sangue o altro ... credo siano più probabilmente indicatori di un tentativo di predazione non riuscito.


L.
Infatti non ho parlato di carcassa ingoiata intera, ma di presunto consumo avvenuto dopo una "pulitura"preventiva. Il consumo probabilmente, come dice Duccio, è stato parziale, dato che prede delle dimensioni del roditore in genere vengono consumate dando precedenza alle parti molli, muscoli e tendini, lasciando sul campo agli altri opportunisti gli altri resti. L'anno scorso avvistai un astore levarsi da un campo, mi recai sul posto dove riuscivo a scorgere col binocolo un letto di piume e trovai i resti di una recentissima predazione su tortora; c'era un tappeto di piume e penne tutto intorno, le zampe già staccate in due diversi punti e parte del torace, con la testa ancora presente, già abbondantemente ripulito dalle interiora e "svuotato". Sicuramente di lì a poco questi resti sarebbero spariti, lasciando solo il letto di piume, come infatti avvenne quando ritornai il giorno seguente. Per questo, alla vista di queste immagini, l'associazione è stata immediata, pur senza che debba per forza costituire verità assoluta.

Avatar utente
Luciano
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 2669
Iscritto il: 23 set 2010, 06:08
Re: Cosa era e da chi è stato predato o consumato?

Messaggio da Luciano » 27 giu 2013, 13:55

fiore955 ha scritto: mi recai sul posto dove riuscivo a scorgere col binocolo un letto di piume e trovai i resti di una recentissima predazione su tortora; c'era un tappeto di piume e penne tutto intorno, le zampe già staccate in due diversi punti e parte del torace, con la testa ancora presente, già abbondantemente ripulito dalle interiora e "svuotato". Sicuramente di lì a poco questi resti sarebbero spariti, lasciando solo il letto di piume, come infatti avvenne quando ritornai il giorno seguente. Per questo, alla vista di queste immagini, l'associazione è stata immediata, pur senza che debba per forza costituire verità assoluta.
Anche le mie sono ipotesi Fiore! :D
In funzione di quanto hai scritto (che ho sottolineato) .. e ad un po' di esperienza personale, ... la predazione o il consumo comportano la presenza sul terreno di segni che in questo caso non ho visto (tracce di sangue ... frammenti di ossa o di pelliccia ... ecc.) ... persino nelle spiumature dei volatili ... si rinvengono gruppetti di penne sanguinolenti ... attaccate fra loro da frammenti di pelle o ossa
Duccio ha scritto: .... Ho difficoltà a credere che l'animale dopo un trattamento del genere se ne sia andato con le sue zampe!
Perdonami ma io non vedo segni di questo "trattamento". ... Non c'è sangue, non ci sono pezzi di pelle o di ossa ... non ci sono tracce di nulla di cruento.
Io vedo un frammento di coda ... Luca ci ha descritto qualche ciuffo di peli...
.... "batuffolini" di pelo insieme a quella che sembrerebbe una coda....
... nei quali non ci sono tracce di sangue ... frammenti di pelle .. o altro.
Sono personalmente rimasto con un pezzo di coda di ghiro in mano ... e qualche ciuffo di peli ... dopo che tentavo di salvarlo da annegamento, per cui so quanto sia facile per loro perdere un pezzetto di coda.

L.

P.s. il giro l'ho poi salvato ... rimediando anche un morso in un dito :roll:


Rispondi

Torna a “Off topic”