Rifugio Casa di Rio - Prato

Sezione dedicata alla gestione dell'associazione

Moderatore: giovanni1968

Avatar utente
vigorius
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 1549
Iscritto il: 09 giu 2009, 22:08
Località: Prato
Re: Rifugio Casa di Rio - Prato

Messaggio da vigorius » 27 set 2012, 23:42

Peccato, una struttura così bella che va lentamente in malora. Altro emblema di sperpero di denaro pubblico.
La butto li : si potrebbe tentare di chiedere una specie di comodato gratuito per la nostra aps, con l'impegno firmato che appena
trovano un gestore si va via. Almeno si arieggerebbero le stanze ogni tanto, e forse riusciremmo a riparare la caldaia.
(volo di fantasia: vi immaginate la bellezza di un campo invernale, con relative ciaspolate, nella riserva)
Saverio Gori, Consigliere Canislupus Italia.

"Chi più alto sale, più lontano vede; chi più lontano vede, più a lungo sogna" Walter Bonatti

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Rifugio Casa di Rio - Prato

Messaggio da Federico » 28 set 2012, 00:05

A me piacerebbe tanto....
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
pigrofalco
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 6066
Iscritto il: 23 set 2008, 02:08
Località: Firenze
Re: Rifugio Casa di Rio - Prato

Messaggio da pigrofalco » 28 set 2012, 09:09

Federico ha scritto:Non ci fosse da presidiare sarebbe da prendere a occhi chiusi...sarebbe un grandissimo quartier generale!
L'accessibilitá venendo su da Tobbiana, se nevica di brutto, non é delle migliori ma la Riola la tengono pulita...se viene ritenuta scomoda cascina di spedaletto figuriamoci casa di rio allora...
Alla fine non conviene solo per il presidio obbligatorio...
Però sul presidio obbligatorio direi che possiamo immaginare ci sia un margine di trattativa, nel senso che tra tenerla chiusa e darla a noi potrebbero comunque decidere di togliere quel vincolo.
Alessio Pieragnoli, Consigliere Canislupus Italia.

"Percorse convinto le strade dell'equilibrio e ogni volta che si trovò di fronte al bivio che indicava l'onestà tirò dritto, pensando ad uno scherzo."

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Rifugio Casa di Rio - Prato

Messaggio da Federico » 28 set 2012, 09:17

pigrofalco ha scritto: Però sul presidio obbligatorio direi che possiamo immaginare ci sia un margine di trattativa, nel senso che tra tenerla chiusa e darla a noi potrebbero comunque decidere di togliere quel vincolo.
Dare in gestione un centro visite per tenerlo chiuso mi pare un controsenso....certo se nessuno lo prende rimane chiuso lo stesso....
Si può provare a chiedere.
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
hycanus
Utente Master
Messaggi: 7055
Iscritto il: 23 set 2008, 01:55
Re: Rifugio Casa di Rio - Prato

Messaggio da hycanus » 28 set 2012, 16:27

Messaggio ricevuto adesso dalla Claudia che vi copio integralmente:
la questione spedaletto è questa.
il dubbio che avevo avuto parlando tempo fa con umberto (era venuto fuori durante una riunione della pro loco e anche le prossime decisioni su spedaletto verranno fuori dal cda della pro loco) era se la pro loco di migliana traesse vantaggi da spedaletto e se si era ancora intenzionati a tenerlo.
è per questo che ho voluto parlare con umberto, per chiarirmi il dubbio.
la risposta è: sì, la pro loco di migliana è intenzionata a restarci.
un sì condizionato dall'approvazione del consiglio (ne parleremo lunedì sera probabilmente) e dalla disponibilità data finora dalle due signore che vanno ad aprire ogni sabato e ogni domenica. e dal fatto che la gestione non comporti ulteriori spese.
fatto sta che spedaletto è nelle mani della pro loco di migliana fino al 31 dicembre del 2012.
quindi l'affidamento successivo, che sia fatto con bando o meno, partirà dal 2013.
perciò spedaletto non è "vuota" o "abbandonata": tutti i lavori che umberto riesce a fare e a proprie spese, li fa.
e se la struttura va in malora non è per mancanza di gente che se ne occupa ma per mancanze da parte della provincia e del maccelli (che non risponde al telefono quando umberto lo chiama).
e immagino che i lavori che dovrebbe essere chiamato a fare l'ente pubblico (manutenzione caldaia e ascensore, manutenzione stanza sottosuolo) non potrebbero essere sostenute da nessuna associazione.
le modalità di affidamento.
per ora c'è stata una convenzione fra comune di cantagallo e pro loco di migliana fatta per affidamento diretto (è stata fatta una riunione con le varie pro loco del comune tempo fa, solo la pro loco di migliana ha accettato e quindi si è presa la struttura).
la cosa è stata contestata anche dal logli, il mio amico de la città per noi, nel contesto della gestione degli spazi pubblici del comune, per cui a cantagallo, a differenza di altri comuni, non c'è un regolamento (e quindi capita che la pro loco di luicciana si prenda uno spazio pubblico per i suoi eventi senza chiedere il permesso a nessuno etc.).
comunque, dal momento che spedaletto interessava solo a migliana e le altre pro loco si sono tirate indietro, non ci sono state polemiche.
ora, alla riunione furono invitate solo le pro loco, quindi presumo che se non venisse fatto il bando anche alla prossima occasione sarebbero invitate solo le pro loco e non le altre associazioni.
l'unico modo per avere in gestione la struttura senza essere pro loco nel comune di cantagallo, quindi, è partecipare al bando, se e quando maccelli si deciderà a farlo.
ho chiesto delucidazioni a umberto sul bando, mi ha detto quello che aveva percepito.
c'è una parte del pubblico che tende ad aprirlo solo ad associazioni o (forse, ma non è sicuro) a più associazioni.
il comune di cantagallo, invece, vorrebbe darlo in gestione a privati.
la pro loco di migliana per tenere aperto spedaletto ogni sabato e domenica (minimo) da maggio a settembre ha avuto il primo anno 4 mila euro. il secondo anno niente, il guadagno è venuto dalla gestione del bar (con funzione ristorante, la signora che se ne occupa è stata cuoca per una vita, prepara gran parte del cibo a casa e poi lo porta lì, la cucina è quello che è, minimale), che alla fine è stato di 1.400 euro con cui la pro loco di migliana ha pagato la terra per i giardinetti per i bambini (è per questo che la pro loco di migliana, che in realtà dovrebbe occuparsi della promozione del luogo, ovvero di migliana, ha preso spedaletto: guadagnare dei soldi da rinvestire qui, invece che fare qualche sagra della pastasciutta, come fanno da altre parti, e portare via clienti alle attività locali).
con il bando (che come ogni bando sarà vinto dall'associazione o dal privato che farà l'offerta migliore, non so se come numero di aperture o progetti vari) umberto ha sentito dire che sarà inserita anche una quota di affitto (probabilmente anche la quota che uno sarà disposto a dare per l'affitto farà punteggio).
Riassumendo.
lupodelupis può sperare di avere spedaletto solo se verrà fatto il bando.
le spese per la manutenzione se le può accollare solo la provincia, c'è da scordarsi di rimetterlo in sesto con le proprie forze (caldaia e ascensore, fermi dal momento che sono stati messi, richiedono, come in ogni casa, ispezione ufficiale. è obbligatorio nelle case, figuriamoci in una struttura aperta al pubblico). idem per la stanza coi letti, il bagno e l'angolo cottura (l'altro bagno è senza luce e senza acqua, non ho capito bene quello che sono riusciti ad aggiustare il pres e il vice pres- che è elettricista).
bando o convenzione l'obbligo di tenerlo aperto ogni fine settimana va insieme alla gestione ( la gestione viene data per questo, non c'è altro interesse da parte della provincia), credo sia impossibile sperare che venga fatto il discorso "piuttosto che tenerlo chiuso lo diamo a qualcuno che le apre ogni tanto").
nulla toglie, però, che venga presa in considerazione l'ipotesi di partecipare al bando, nell'eventualità che qualcuno dell'associazione se la senta di prendersi l'impegno di tutti i fine settimana e lo prenda come un secondo lavoro (se gestito bene il bar un po' di incassi può darli. il reparto cucina, che sarebbe quello che porterebbe maggior incassi, richiede impegno e organizzazione. domenica scorsa so per certo che sono stati serviti un centinaio di coperti- sono venuti a prendere gli ingredienti da me- e immagino che la manodopera sia stata numericamente alla bisogna).
e nulla toglie di chiedere ulteriori spiegazioni ad umberto il 13 ottobre, quando ci sarà la serata di lupodelupis (per cui secondo me sarebbe il caso di partire con un po' di promozione sul territorio, in accordo con la serena ovviamente- pensavo ad un evento su fb o cose simili o dare qualche info in più alla sere per fare un bel comunicato stampa- quello che mi ha mandato per il giornale è stringato, c'è ancora la sigla csdl e l'evento è accorpato ad altri di legambiente). magari quella sera possiamo dare un'occhiata all'ambiente, vedere ciò che è guasto e manca e decidere. e magari capire se ci potrebbe essere un accordo fra varie associazioni per una gestione comune (chessò, noi creare gli eventi e altre associazioni, magari la pro loco, occuparsi dell'apertura settimanale e del bar).
la mia personale riflessione, alla luce del caos derivante dal riordino delle province- nonostante la scadenza dei primi di ottobre, quando si saprà cosa sarà di prato, ci sarà da aspettare la sentenza della corte costituzionale a novembre ai ricorsi fatti per incostituzionalità della nuova legge, che probabilmente riporterà le cose allo stato precedente e ci terremo il caro beltrame fino a giugno 2014- credo che le cose vadano molto per le lunghe, bando, lavori alla cascina e decisioni sulla riserva.
quindi (ma è una mia idea, discutibilissima, che non influenza i dati di fatto che ho presentato sopra), secondo me è meglio l'uovo oggi piuttosto che la gallina domani (se poi arriva anche la gallina, tanto meglio).
spedaletto è in una posizione meravigliosa, è già attrezzato e pronto all'uso. ma casa a rio sarebbe la prima opportunità per mettere ufficialmente i piedi in riserva senza alcun impegno da parte dell'associazione. al costo di due o tre tavoli da birreria- con relative panche- che si trovano a poco più di 70 euro. e qualche lampadina con porta lampade (i fili ci sono già, il generatore per i primi tempi- ma magari già dopo un anno ci stanchiamo e restituiamo le chiavi- lo porto io, me lo presta mio marito che non lo usa- spero funzioni ancora!). poi piano piano e se il posto ci piace potremmo pensare di comprare qualche letto a castello all'ikea e ospitare i soci che vengono a trovarci da lontano, magari luciano a cui possiamo chiedere una bella lezione sul cervo al chiaro di luna e al suono dei bramiti.
ma sono solo l'ultima caccola arrivata, la mia opinione non fa testo. a disposizione, comunque, per condividere con voi qualsiasi informazione sul territorio in mio possesso.
Sento questa mia vita che sfugge, ma che non sfugge, perché è parte della stessa vita di quegli alberi. Una cosa bellissima, il disfarsi nella vita del cosmo ed essere parte di tutto. (Tiziano Terzani)

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Rifugio Casa di Rio - Prato

Messaggio da Federico » 28 set 2012, 16:32

Di poche parole.... :mrgreen:

Ora mi piglio un'ora di permesso e me lo leggo :lol:
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Rifugio Casa di Rio - Prato

Messaggio da Federico » 28 set 2012, 16:46

Ce l'ho fatta cristo!

Che dire, innanzitutto ciavevo ragione a dire che c'era ancora la pro-loco di Migliana (tuvvedrai l'ho trovata aperta tutte le volte che sono stato su ed era fitto di gente dentro).
Secondo di poi, penso che nessuno di noi, che ci sà un lavoro fisso che basta e avanza (io farei pure festa potessi campare di rendita, figurati), abbia il tempo di andare su tutti i finesettimana.
Se la pro-loco di Migliana rinnova noi non abbiamo problemi a fare qualsivoglia evento alla cascina, l'abbiamo già fatto e ne facciamo uno a breve, quindi non c'è da rompersi i coglioni più di tanto.
L'unica cosa che si potrebbe fare è chiedere il permesso, a chi viene affidato, di poter usufruire dei locali del centro visite come ritrovo per noi, per fare qualche riunione ad esempio.
Altra cosa che si potrebbe chiedere è di poter esporre nostro materiale nel centro visite.
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
Duccio
Presidente Canislupus Italia
Messaggi: 6227
Iscritto il: 24 ago 2008, 14:52
Re: Rifugio Casa di Rio - Prato

Messaggio da Duccio » 28 set 2012, 18:35

d'accordo con Federico, la gestione di strutture di quel tipo è un impegno che ben conosco (gestiamo da 15 anni il museo di moscheta) che richiede personale ad hoc stipendiato; gli obiettivi individuati da Federico mi sembrano alla nostra portata ed interessanti
Duccio Berzi, Presidente Canislupus Italia.

"Che siete colti ve lo dite da voi. Avete letto tutti gli stessi libri. Non c'è nessuno che vi chieda qualcosa di diverso". D.L.Milani

Avatar utente
vigorius
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 1549
Iscritto il: 09 giu 2009, 22:08
Località: Prato
Re: Rifugio Casa di Rio - Prato

Messaggio da vigorius » 01 ott 2012, 22:32

Pensiero serio su l'opportunità di prendere la casa di Rio come base per l'Associazione: praticamente nullo, e spiego perché:
per serate didattiche abbiamo nei pressi in posizione strategiche il rif. Pacini alla Rasa e la Cascina di cave.
che serate didattiche possiamo svolgere in un tugurio come casa al rio? che di tugurio si tratta a parer mio.
guardiamo la cosa con realismo. siete mai stati in un rifugio o altro posto in montagna dove la pace e il silenzio regnano sovrani?
ve lo immaginate un gruppo elettrogeno in azione. è come avere un trattore anni 50 ad un centimetro dall'orecchio.
lasciamo perdere poi la fatica per renderla un po abitabile. mi fermo perché mi sento come quello che spara sulla croce rossa.
Purtroppo la casa di rio segue il destino delle altre lodevoli ristrutturazioni di edifici posti nella Riserva di cui soltanto 2 sono gestiti,
cascina di cave e il vespaio, le altre non sono ritornate ruderi ma poco ci manca, escluso la Cascina di spedaletto e il centro visite di Cantagallo
che segue il destino della cascina di spedaletto: nessuno lo vuole . non mi ricordo chi , mi pare Claudia,mi ha detto che stanno allestendo una cucina all'interno,
nella speranza di attirare qualche merendero, visto che anche la trattoria Beatrice ha chiuso i battenti, come li chiuse tempo fa il Bar Marchettini.
Ora a Cantagallo potrbbero issare davvero la bandiera gialla perché c'è rimasto Uno o due sciancati,due o tre sulla seggiola a rotelle e seconde case
disabitate perché i proprietari son morti o son nell'ospizio.
Conclusione: se alcuni di noi la vogliono prendere privatamente perché gli piace o per accontentare il sogno della nostra amica Claudia facciamo pure,
ma come associazione ,per conto mio, sono soldi buttati, anche se pochi, meglio allora comprare materiale tipo ft.
Non me ne voglia Claudia, che ha tutta la mia stima,amicizia e simpatia ma questo è il mio pensiero.
Saverio Gori, Consigliere Canislupus Italia.

"Chi più alto sale, più lontano vede; chi più lontano vede, più a lungo sogna" Walter Bonatti

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Rifugio Casa di Rio - Prato

Messaggio da Federico » 01 ott 2012, 22:39

Minchia Saverrio....che positivitá :lol:
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.


Rispondi

Torna a “Canislupus Italia”