Regolamento campi

Sezione dedicata alla gestione dell'associazione

Moderatore: giovanni1968

Avatar utente
giovanni1968
VicePresidente Canislupus Italia
Messaggi: 931
Iscritto il: 10 feb 2009, 15:53
Re: Regolamento campi

Messaggio da giovanni1968 » 07 mar 2012, 12:28

Luciano ha scritto:
giovanni1968 ha scritto:Ultima considerazione...mi pare un po sproporzionato la divisione del contributo non sarebbe meglio 40/60,?anche perche in caso di un campo numeroso
la somma diventa importante.Si potrebbe cosi creare un fondo per progetti o emergenze/solidarieta.
Dipende molto da cosa intendi per "importante" ;)
Ipotizzando un campo di 12 persone (quindi direi piuttosto numeroso ... o no?) della durata di due giorni; la somma versata a fini organizzativi risulterebbe di 240 euro, ... la parte di chi organizza quindi di 144 euro (60%). Credo dipenda molto dalle difficoltà organizzative ... ma non mi pare poi una cifra così importante.

Certamente dipende dal numero di persone e n giorni .
Considera pero un campo tipo di 3 giorni nel tuo esempio e vedrai una cifra che non giustifica a mio avviso l'organizzazione come nel caso di 4/5 persone campo sono sicuramente pochi.Forse trovare un meccanismo giorni persone oppure fino ipotizzo100 € sono del' organizzatore il restante diviso 50%.
Personalmente ho sempre fatto come Fede
Giovanni Grossi, Vicepresidente Canislupus Italia.

"Le parole sono come le foglie, quando sono troppe difficilmente nascondono un frutto." Alexander Pope

Avatar utente
Luciano
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 2669
Iscritto il: 23 set 2010, 06:08
Re: Regolamento campi

Messaggio da Luciano » 07 mar 2012, 16:12

giovanni1968 ha scritto: .... Certamente dipende dal numero di persone e n giorni .
Considera pero un campo tipo di 3 giorni nel tuo esempio e vedrai una cifra che non giustifica a mio avviso l'organizzazione come nel caso di 4/5 persone campo sono sicuramente pochi.Forse trovare un meccanismo giorni persone oppure fino ipotizzo100 € sono del' organizzatore il restante diviso 50%.
Personalmente ho sempre fatto come Fede
Probabilmente non ho espresso bene ciò che intendevo dire, ... e non ritengo dipenda solo dal numero di persone e del numero di giorni ....
Luciano ha scritto: .... Penso che ogni campo sia una storia a se, da valutare di volta in volta ... fermi restando alcuni capisaldi.
Io penso che se organizzassi un campo a Berleta o Corniolo ... potrei ritenere congruo quanto previsto da Giovanni; ma nel caso (ad esempio) si organizzasse un campo al piano della lama, le difficoltà organizzative sarebbero enormemente superiori ... e forse i partecipanti sarebbero disposti a versare una quota organizzativa maggiore .....
Nell'esempio che ho fatto (così come se si va al rifugio del Cucco ... o in qualsiasi località priva di strutture turistico-alberghiere ... e magari in luoghi ameni privi di strade pubbliche) occorre considerare che le spese a carico dei partecipanti non sono "appesantite" da costi di pensioni ostelli ecc. ... ma sono essenzialmente limitate a: quota organizzativa e spese legate ai viveri.
Nelle spese organizzative rientrano però anche i contributi alla struttura che ospita (per gas, benzina, legna e quant'altro) ... un minimo rimborso a qualcuno che funga da cuoco (per avere più tempo per le attività) ... e (secondo me necessariamente ... ma è ovviamente opinabile) un rimborso un po' più consistente a chi (per organizzare a modo) deve preoccuparsi anche del trasporto delle persone ..... dei viveri e delle attrezzature (da portare possibilmente prima dell'arrivo dei partecipanti) ... ecc. ecc.

Poi ovviamente sono anch'io disposto a farlo praticamente gratis (anche se una FT non è che costi proprio nulla ;) ) ... ma lo organizziamo come detto: a Berleta ... a Corniolo .... o comunque in zone dove si va in albergo o similari.

L.

P.s. ovviamente le spese che ho citato le possiamo anche inserire nella cifra dedicata ai viveri (e in questo caso alla struttura) ... penso però che invertendo l'ordine dei fattori ..... ! ;)

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Regolamento campi

Messaggio da Federico » 07 mar 2012, 17:43

Luciano ha scritto: Poi ovviamente sono anch'io disposto a farlo praticamente gratis (anche se una FT non è che costi proprio nulla ;) )
No certo che costa, questa è la forma che ci è stata sempre proposta perchè a quanto pare non potevamo avere direttamente i soldi, non so sinceramente come è stato fatto per gli altri campi/organizzatori.
So comunque che in passato sono stati dati dei rimborsi a persone ad esempio che sono intervenute per la didattica/proiezioni, mi sono sempre domandato perchè loro si e noi no.
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
Duccio
Presidente Canislupus Italia
Messaggi: 6227
Iscritto il: 24 ago 2008, 14:52
Re: Regolamento campi

Messaggio da Duccio » 07 mar 2012, 23:20

I soldi possono uscire se ci sono delle "pezze d'appoggio" che a volte sono fornite dagli organizzatori, a volte le colleziono io e le uso per dare dei rimborsi. Si può trattare di ricevute, fatture, schede carburante, ricariche telefoniche, etc. ma devono avere una pertinenza con quella iniziativa, nei casi in cui non ci sono è necessario fare un acquisto per giustificare l'uscita. Di questo però dovremmo parlarne in modo più dettagliato, le regole ora sono più severe e l'attenzione maggiore.
Per la ripartizione possiamo anche decidere di lasciare una discrezionalità al responsabile, d'altra parte ogni campo è un caso a se, e nel caso della Seghettina ad esempio l'impegno dell'organizzazione è decisamente più elevato rispetto ai campi "alberghizzati" credo che su questo non ci sia da discutere. Lascerei quella come indicazione di massima, poi campo campo vediamo come vanno le cose, sia in base all'impegno dell'organizzazione che del numero di partecipanti etc.
Per l'auto la cosa migliore è la scheda carburante; non è detto che una debba timbrare le spese secche del gasolio, può mettere una spesa maggiore considerando le spese generali del mezzo. Altrimenti ci sono le tabelle ACI, ma è tutto più complicato.

ciao, d.
Duccio Berzi, Presidente Canislupus Italia.

"Che siete colti ve lo dite da voi. Avete letto tutti gli stessi libri. Non c'è nessuno che vi chieda qualcosa di diverso". D.L.Milani

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Regolamento campi

Messaggio da Federico » 08 mar 2012, 14:54

Duccio ha scritto: Per la ripartizione possiamo anche decidere di lasciare una discrezionalità al responsabile, d'altra parte ogni campo è un caso a se
E' quello che intendevo anche io con "diamo l'effettivo rimborso".
Se uno spende di più del rimborso che avrebbe con il 20% sul totale, deve avere di più (quello che ha effettivamente speso), di conseguenza chi spende meno piglia meno ma è la cosa più equa.
Sarei altresì daccordo (ma non so se è possibile) di attingere alle casse dell'associazione qual'ora succeda che sommando le quote dei campi non ci sia copertura sufficiente per il rimborso (a volte ci sono 2/3 organizzatori per campo).
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
giovanni1968
VicePresidente Canislupus Italia
Messaggi: 931
Iscritto il: 10 feb 2009, 15:53
Re: Regolamento campi

Messaggio da giovanni1968 » 09 mar 2012, 11:23

Luciano ha scritto:Nell'esempio che ho fatto (così come se si va al rifugio del Cucco ... o in qualsiasi località priva di strutture turistico-alberghiere ... e magari in luoghi ameni privi di strade pubbliche) occorre considerare che le spese a carico dei partecipanti non sono "appesantite" da costi di pensioni ostelli ecc. ... ma sono essenzialmente limitate a: quota organizzativa e spese legate ai viveri.
Nelle spese organizzative rientrano però anche i contributi alla struttura che ospita (per gas, benzina, legna e quant'altro) ... un minimo rimborso a qualcuno che funga da cuoco (per avere più tempo per le attività) ... e (secondo me necessariamente ... ma è ovviamente opinabile) un rimborso un po' più consistente a chi (per organizzare a modo) deve preoccuparsi anche del trasporto delle persone ..... dei viveri e delle attrezzature (da portare possibilmente prima dell'arrivo dei partecipanti) ... ecc. ecc.

Poi ovviamente sono anch'io disposto a farlo praticamente gratis (anche se una FT non è che costi proprio nulla ;) ) ... ma lo organizziamo come detto: a Berleta ... a Corniolo .... o comunque in zone dove si va in albergo o similari.

L.

P.s. ovviamente le spese che ho citato le possiamo anche inserire nella cifra dedicata ai viveri (e in questo caso alla struttura) ... penso però che invertendo l'ordine dei fattori ..... ! ;)
Non avevo capito che non cè personale in quella struttura ...pensavo un rifugio gestito.
Federico ha scritto:Se uno spende di più del rimborso che avrebbe con il 20% sul totale, deve avere di più (quello che ha effettivamente speso), di conseguenza chi spende meno piglia meno ma è la cosa più equa.
ma se ho capito bene il rimborso è 80% del totale
Giovanni Grossi, Vicepresidente Canislupus Italia.

"Le parole sono come le foglie, quando sono troppe difficilmente nascondono un frutto." Alexander Pope

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Regolamento campi

Messaggio da Federico » 09 mar 2012, 11:44

giovanni1968 ha scritto:ma se ho capito bene il rimborso è 80% del totale
Scusa mi sono incartato con le percentuali :mrgreen:
Intendevo 80% oppure 60% (nel caso si aumentasse a 40% la quota che si lascia all'associazione).
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Regolamento campi

Messaggio da Federico » 20 set 2012, 17:43

Chiudo.
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.


Bloccato

Torna a “Canislupus Italia”