Regolamento campi

Sezione dedicata alla gestione dell'associazione

Moderatore: giovanni1968

Avatar utente
Duccio
Presidente Canislupus Italia
Messaggi: 6227
Iscritto il: 24 ago 2008, 14:52
Regolamento campi

Messaggio da Duccio » 04 mar 2012, 21:57

Vi copio una bozza di regolamento per i campi di Canislupus Italia.
Vi chiedo di integrare e correggere.
E' il primo documento che dovremmo votare come Consiglio, con Federico vederemo come invitare tutti i consiglieri a questa prima votazione. Ma prima condividiamo il documento.

ciao, d.


Canislupus Italia
Regolamento gestione campi

Finalità ed etica: i campi organizzati da Canislupus Italia sono finalizzati ad avvicinare tutti, tecnici e appassionati, alla conoscenza del lupo e all’ambiente naturale in cui vive, facendo conoscere progetti di ricerca e le problematiche di conservazione della specie attraverso incontri con tecnici, amministratori, stakeholders. I campi si configurano quindi come esperienze indirizzate principalmente alla formazione e non come occasioni per osservare, fotografare, riprendere gli animali selvatici. Per questo motivo durante i campi si evita di far avvicinare i partecipanti alle zone “sensibili” del territorio e si programmano le attività cercando di minimizzare il disturbo verso tutte le specie selvatiche.
Scelta delle località: priorità viene data alle aree in cui sono in corso progetti di ricerca o esperienze di gestione che permettano di arricchire le conoscenze dell’ambiente attraverso incontri ed uscite con i ricercatori e i tecnici locali.
Tempistica: i campi sono programmati entro la fine di ogni anno. Il programma viene condiviso dal Consiglio dell’Associazione e successivamente inserito negli spazi web di Canislupus Italia. Si possono inoltre proporre al Consiglio esperienze anche di breve durata durante l’anno in corso e inserirle nella programmazione annuale.
Partecipanti: tutti i partecipanti devono necessariamente essere soci dell’Associazione. Il responsabile del campo deve accertarsi che i partecipanti siano in regola con l’iscrizione.
N° minimo e massimo di partecipanti: è a discrezione del responsabile del campo. Il numero minimo deve permettere di coprire le spese organizzative, il numero massimo deve essere calibrato alla struttura e comunque deve essere tale da non creare disturbo negli ambienti visitati.
Modalità di prenotazione, conferma, pagamento: la prenotazione deve essere fatta via mail all’indirizzo campi@canislupus.it entro 1 mese dal campo. Le preiscrizioni sono segnate su un documento condiviso con i vari responsabili dei campi. Appena si raggiunge il numero minimo di partecipanti il responsabile dei campi comunica a tutti i prescritti che il campo è attivato e indica le modalità d’iscrizione. Questa viene fatta attraverso il versamento di una quota, pari al “contributo organizzativo” sul c/c dell’Associazione.
Disdetta: la restituzione del contributo organizzativo viene effettuata nel caso in cui il campo non si possa svolgere o nel caso in cui il partecipante avverta almeno con una settimana di anticipo rispetto all’inizio del campo.
Viaggio e soggiorno: le spese di viaggio e soggiorno sono sempre a carico dei singoli partecipanti. Il responsabile del campo non è tenuto a gestire i pagamenti della struttura per i partecipanti, ma si impegnerà a organizzare il viaggio dei partecipanti per minimizzare il numero di auto.
Contributo organizzativo: i partecipanti ai campi versano un “contributo organizzativo”. Tale contributo è stabilito in €10 al giorno per partecipante attivo per l’anno 2012. Per gli anni successivi il Consiglio potrà ridefinire l’importo.
Sono tenuti al pagamento del contributo tutti i campisti che partecipano alle escursioni e agli incontri formativi. Sono esclusi i famigliari che non prendono parte alle attività, i ragazzi fino a 14 anni di età, tutto il personale che partecipa all’organizzazione del campo e i soci dell’Associazione che si impegnano nell’organizzazione di altri campi.
Pagamenti: i pagamenti devono essere effettuati sul c/c postale di Canislupus Italia n° (mi deve ancora essere comunicato)
Gestione proventi: i contributi versati dai partecipanti vengono così ripartiti:
- 20% a Canislupus Italia per le attività sociali
- 80% al responsabile del campo, per le spese personali sostenute (strutture ricettive, spese di viaggio, etc) documentate da scontrini o ricevuti intestati a Canislupus Italia e per l’acquisto di attrezzatura per la ricerca, che rimarrà di proprietà di Canislupus Italia ma in uso al responsabile del campo. Il responsabile del campo può destinare parte delle risorse derivanti dai contributi dei campisti per la remunerazione di soggetti quali tecnici, ricercatori, guide ambientali, etc. Anche le uscite per tali rimborsi dovranno essere documentate con scontrini, ricevute, etc. Il responsabile può anche decidere di rilasciare a queste persone la tessera socio “benemerito”.
Responsabile/i del campo: il responsabile/i del campo è socio “benemerito” di Canislupus Italia. Ha diritto a partecipare senza versare il contributo organizzativo ai campi di Canislupus Italia. E’ il responsabile dell’organizzazione logistica ed amministrativa del campo. Durante le escursioni dovrà prestare la massima attenzione a non esporre i partecipanti a rischi di qualunque genere, informando preventivamente il gruppo della lunghezza delle escursioni, il grado di difficoltà, eventuali aree pericolose.
Assicurazione: i soci non sono coperti da assicurazione infortuni (nota: attraverso la iscrizione alla Federazione Pronatura dovremmo avere la copertura responsabilità civile per tutti i partecipanti)
Bambini: non esiste un limite di età per la partecipazione ai campi, ma il responsabile è tenuto ad indicare ai genitori il tipo di attività ed escursioni che sono in programma per far si che la presenza dei bambini non sia un fattore limitante per il gruppo o un elemento di rischio per i piccoli.
Partecipanti esterni: una delle finalità dei campi è l’incontro e la socializzazione tra persone che condividono determinati interessi. Per questo motivo è da limitare la presenza di partecipanti che si uniscono al gruppo solo per alcuni giorni, o solo per le escursioni.
Duccio Berzi, Presidente Canislupus Italia.

"Che siete colti ve lo dite da voi. Avete letto tutti gli stessi libri. Non c'è nessuno che vi chieda qualcosa di diverso". D.L.Milani

Avatar utente
giovannimln
Utente Attivo
Messaggi: 149
Iscritto il: 18 set 2010, 20:38
Re: Regolamento campi

Messaggio da giovannimln » 05 mar 2012, 14:33

Disdetta: la restituzione del contributo organizzativo viene effettuata nel caso in cui il campo non si possa svolgere o nel caso in cui il partecipante avverta almeno con una settimana di anticipo rispetto all’inizio del campo
In virtù del fatto che la prenotazione può avvenire un mese prima, cioè in tempi ravvicinati rispetto alla data del campo, e l'esiguità della cifra del contributo organizzativo credo che la restituzione non sia fattibile salvo che queste persone vengano sostituite da altri partecipanti. Ciò perchè, nel caso le disdette siano numericamente congrue, potrebbe mettere a rischio l'intera organizzazione.
Nel caso dell'impossibilità ad effettuare il campo è giusta la restituzione del contributo organizzativo.
Giovanni

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Regolamento campi

Messaggio da Federico » 05 mar 2012, 14:50

Ma è solo regolamento interno o una parte va pubblicato sul sito?
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Regolamento campi

Messaggio da Federico » 05 mar 2012, 15:00

Partecipanti esterni: una delle finalità dei campi è l’incontro e la socializzazione tra persone che condividono determinati interessi. Per questo motivo è da limitare la presenza di partecipanti che si uniscono al gruppo solo per alcuni giorni, o solo per le escursioni.
Mi sta bene, però non era stata introdotta la regola dei 10 euro al giorno proprio per agevolare chi vuole partecipare parzialmente?
Allora forse è meglio indicare la quota totale (es. 30 euro per una tre giorni), in tal modo si disincentiva quelli di cui sopra.
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
giovanni1968
VicePresidente Canislupus Italia
Messaggi: 931
Iscritto il: 10 feb 2009, 15:53
Re: Regolamento campi

Messaggio da giovanni1968 » 05 mar 2012, 18:44

Io sarei un po rigido sulla quota contributo,cioè ti iscrivi 30 giorni prima e versi la quota mandando la ricevuta in caso contrario non è valida la tua iscrizione.
In caso il campo salti ti si rende la quota è una operazione in più da gestire ma credo necessaria.Mi rendo conto che a volte tutto si concretizza pochi giorni prima del campo e si rischia di farne saltare qualcuno ma almeno non si da per scontato presenze che poi si volatilizzano 3 giorni prima.
il resto mi pare ok
Giovanni Grossi, Vicepresidente Canislupus Italia.

"Le parole sono come le foglie, quando sono troppe difficilmente nascondono un frutto." Alexander Pope

Avatar utente
Duccio
Presidente Canislupus Italia
Messaggi: 6227
Iscritto il: 24 ago 2008, 14:52
Re: Regolamento campi

Messaggio da Duccio » 05 mar 2012, 19:27

Federico ha scritto:Ma è solo regolamento interno o una parte va pubblicato sul sito?
è interno, ma parte si renderà pubblica
giovannimln ha scritto:
Disdetta: la restituzione del contributo organizzativo viene effettuata nel caso in cui il campo non si possa svolgere o nel caso in cui il partecipante avverta almeno con una settimana di anticipo rispetto all’inizio del campo
In virtù del fatto che la prenotazione può avvenire un mese prima, cioè in tempi ravvicinati rispetto alla data del campo, e l'esiguità della cifra del contributo organizzativo credo che la restituzione non sia fattibile salvo che queste persone vengano sostituite da altri partecipanti. Ciò perchè, nel caso le disdette siano numericamente congrue, potrebbe mettere a rischio l'intera organizzazione.
Nel caso dell'impossibilità ad effettuare il campo è giusta la restituzione del contributo organizzativo.
Giovanni
D'accordo
Federico ha scritto:
Partecipanti esterni: una delle finalità dei campi è l’incontro e la socializzazione tra persone che condividono determinati interessi. Per questo motivo è da limitare la presenza di partecipanti che si uniscono al gruppo solo per alcuni giorni, o solo per le escursioni.
Mi sta bene, però non era stata introdotta la regola dei 10 euro al giorno proprio per agevolare chi vuole partecipare parzialmente?
Allora forse è meglio indicare la quota totale (es. 30 euro per una tre giorni), in tal modo si disincentiva quelli di cui sopra.
I 10€ al giorno sono stati introdotti per facilitare il calcolo e uniformare tutti i campi. Cmq lascerei la discrezionalità dei responsabili ad accettare o meno campisti che partecipano parzialmente
giovanni1968 ha scritto:Io sarei un po rigido sulla quota contributo,cioè ti iscrivi 30 giorni prima e versi la quota mandando la ricevuta in caso contrario non è valida la tua iscrizione.
In caso il campo salti ti si rende la quota è una operazione in più da gestire ma credo necessaria.Mi rendo conto che a volte tutto si concretizza pochi giorni prima del campo e si rischia di farne saltare qualcuno ma almeno non si da per scontato presenze che poi si volatilizzano 3 giorni prima.
Sono favorevole anche io, viste le ultime esperienze
Duccio Berzi, Presidente Canislupus Italia.

"Che siete colti ve lo dite da voi. Avete letto tutti gli stessi libri. Non c'è nessuno che vi chieda qualcosa di diverso". D.L.Milani

Avatar utente
giovanni1968
VicePresidente Canislupus Italia
Messaggi: 931
Iscritto il: 10 feb 2009, 15:53
Re: Regolamento campi

Messaggio da giovanni1968 » 06 mar 2012, 09:14

Ultima considerazione...mi pare un po sproporzionato la divisione del contributo non sarebbe meglio 40/60,?anche perche in caso di un campo numeroso
la somma diventa importante.Si potrebbe cosi creare un fondo per progetti o emergenze/solidarieta.
Giovanni Grossi, Vicepresidente Canislupus Italia.

"Le parole sono come le foglie, quando sono troppe difficilmente nascondono un frutto." Alexander Pope

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Regolamento campi

Messaggio da Federico » 06 mar 2012, 09:45

giovanni1968 ha scritto:Ultima considerazione...mi pare un po sproporzionato la divisione del contributo non sarebbe meglio 40/60,?anche perche in caso di un campo numeroso
la somma diventa importante.Si potrebbe cosi creare un fondo per progetti o emergenze/solidarieta.
Sono favorevole, addirittura io sarei per dare all'organizzatore l'effettivo rimborso delle spese che ha sostenuto, che in alcuni casi (con pochi partecipanti) può non essere coperto dal 20% o dal 40% dell'incasso totale. Credo sia la cosa più equa. Se poi l'organizzatore vuole lasciare di più all'associazione tanto meglio, ma lo lascerei come scelta volontaria.
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.

Avatar utente
Luciano
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 2669
Iscritto il: 23 set 2010, 06:08
Re: Regolamento campi

Messaggio da Luciano » 06 mar 2012, 18:48

giovanni1968 ha scritto:Ultima considerazione...mi pare un po sproporzionato la divisione del contributo non sarebbe meglio 40/60,?anche perche in caso di un campo numeroso
la somma diventa importante.Si potrebbe cosi creare un fondo per progetti o emergenze/solidarieta.
Dipende molto da cosa intendi per "importante" ;)
Ipotizzando un campo di 12 persone (quindi direi piuttosto numeroso ... o no?) della durata di due giorni; la somma versata a fini organizzativi risulterebbe di 240 euro, ... la parte di chi organizza quindi di 144 euro (60%). Credo dipenda molto dalle difficoltà organizzative ... ma non mi pare poi una cifra così importante.

Federico ha scritto: ..... addirittura io sarei per dare all'organizzatore l'effettivo rimborso delle spese che ha sostenuto .....
Forse è bene chiarire cosa si intende per "spese sostenute":
Gli spostamenti in auto come si valutano, ... costo del carburante ... o costo chilometrico in funzione dell'auto?
La messa a disposizione di apparecchiature o attrezzature di vario genere (proiettori, generatori o quant'altro) come si può valutare?
In entrambi i casi come è possibile documentare queste spese?

Penso che ogni campo sia una storia a se, da valutare di volta in volta ... fermi restando alcuni capisaldi.
Io penso che se organizzassi un campo a Berleta o Corniolo ... potrei riterrei congruo quando previsto da Giovanni; ma nel caso (ad esempio) si organizzasse un campo al piano della lama, le difficoltà organizzative sarebbero enormemente superiori ... e forse i partecipanti sarebbero disposti a versare una quota organizzativa maggiore.

L.

P.s. Scusate le domande, ... non voglio fare la parte del venale accanito, ... ma ritengo che chi organizza .... fornisca già il proprio tempo libero .. i suoi "contatti" nel territorio, e la sua conoscenza (anche limitata).

Avatar utente
Federico
Webmaster
Messaggi: 5655
Iscritto il: 04 set 2008, 01:14
Località: Prato
Re: Regolamento campi

Messaggio da Federico » 06 mar 2012, 19:18

Si certo Luciano...ci sono campi piú ostici di altri senza dubbio.

Personalmente mi sono sempre pagato tutto...benzina,alloggio,pasti,ecc
Come rimborso abbiamo ricevuto fototrappole.
Federico
Il lupo non è né buono né cattivo, ma è lì, splendido come la natura selvaggia, e vuole restare libero.


Bloccato

Torna a “Canislupus Italia”