Consigli per fototrappolaggio

Filmati e foto effettuati con dispositivi automatici
Avatar utente
deborabordini
Nuovo Utente
Messaggi: 11
Iscritto il: 28 apr 2014, 15:21
Consigli per fototrappolaggio

Messaggio da deborabordini » 16 ott 2014, 12:06

Ciao a tutti,
ho appena fatto la mia presentazione al forum e ne sono molto contenta.
Con altre 2 ragazze abbiamo iniziato a fare monitoraggio tramite fototrappole. Adesso abbiamo un qualche dubbio su come sia meglio procedere e vorrei chiedervi un consgilio. Al momento siamo riuscite ad acquistare 3 fototrappole e le abbiamo posizionate in questo modo:
2 nella stessa zona (quindi abbastanza vicine) ma indirizzate in due punti differenti.
La terza è invece in una zona completamente diversa. L'abbiamo lasciata lì perchè siamo riuscite a filmare un lupo e quindi speravamo di riprenderlo di nuovo. A questo punto però vorremmo toglierla perchè la zona non è compresa nel progetto che ci hanno affidato, quindi ai fini della ricerca non so quanto ci sarebbe utile. La mia domanda è questa. E' meglio posizionare le 3 fototrappole in modo che puntino più o meno nella stessa zona (catturando quindi un perimetro più ampio), oppure è piàù consigliato indirizzarle in 3 punti differenti?
Non so se mi sono spiegata bene. Una l'abbiamo messa vicino ad un corso d'acqua avendo notato molte tracce ed in effetti abbiamo ripreso molti animali. Sarebbe meglio metterne una che punta sempre nello stesso corso d'acqua oppure è un po' inutile visto che rischiamo di riprendere lo stesso animale da 2 inquadrature diverse?
Come avrete capito siamo davvero all'inizio e abbiamo bisogno di fare esperienza :-)
grazie,
Debora

Avatar utente
Luciano
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 2669
Iscritto il: 23 set 2010, 06:08
Re: Consigli per fototrappolaggio

Messaggio da Luciano » 16 ott 2014, 13:34

Ciao Debora,
Credo che la domanda principale sia: quali sono le finalità del monitoraggio che state attuando (di quale progetto fa parte per intenderci); in funzione della risposta .. (monitoraggio distributivo .. di consistenza ... ecc.) occorrerà valutare come procedere nella disposizione delle VFT.

L.

Avatar utente
deborabordini
Nuovo Utente
Messaggi: 11
Iscritto il: 28 apr 2014, 15:21
Re: Consigli per fototrappolaggio

Messaggio da deborabordini » 16 ott 2014, 14:16

Ciao Luciano,
scusa non lo avevo specificato. Il progetto che abbiamo elaborato per il momento ha lo scopo di capire se ci sono dei lupi stabili in zona, possibilimente quanti e, nel periodo della riproduzione, se si riproducono. Il direttore del parco ci ha detto che spesso ci sono lupi in dispersione nella zona, però non escludono che ci sia almeno una coppia stabile. Ecco vorremmo cercare di capire questa cosa. Inoltre ci ha detto che hanno ricevuto da parte di allevatori segnalazioni di attacchi, però sospettano che si possa trattare di cani randagi piuttosto che di lupi.
E' un progetto in divenire, però al momento questo è il nostro obiettivo.
Debora

Avatar utente
Stefano P
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 2214
Iscritto il: 10 nov 2011, 09:44
Re: Consigli per fototrappolaggio

Messaggio da Stefano P » 16 ott 2014, 17:39

In estrema sintesi...

Solitamente si dispongono le fototrappole sulla base di una grigia a maglie più o meno ampie a seconda degli obbiettivi.

Nel vostro caso, con un numero così limitato di strumenti, si può soltanto effettuare un lavoro opportunistico, cercando di massimizzare le catture della specie target piazzando gli strumenti su predazioni, punti di marcatura, dove avete rinvenuto tracce di lupo o comunque dove sospettate che passino.

Se possibile, affiancate il fototrappolaggio con lo snow tracking ed eventualmente con survey acustiche.

Ciao, S.
Stefano, Consigliere Canislupus Italia.

Avatar utente
deborabordini
Nuovo Utente
Messaggi: 11
Iscritto il: 28 apr 2014, 15:21
Re: Consigli per fototrappolaggio

Messaggio da deborabordini » 17 ott 2014, 09:45

Si in effetti abbiamo poche fototrappole.
Forse verso fine anni il Parco sarà in grado di acquistarne altre, ma per il momento dobbiamo cercare di massimizzare l'utilizzo di queste :roll:
Potresti darmi qualche informazion in più sulle survey acustiche?
Ciao,
Debora

Avatar utente
giovanni1968
VicePresidente Canislupus Italia
Messaggi: 931
Iscritto il: 10 feb 2009, 15:53
Re: Consigli per fototrappolaggio

Messaggio da giovanni1968 » 17 ott 2014, 21:54

Ciao Debora e ben venuta.
Il mio consiglio è quello di partecipare ad un campo studi, un ottimo modo per cominciare .Puoi dirci di che Parco si tratta?


Giovanni
Giovanni Grossi, Vicepresidente Canislupus Italia.

"Le parole sono come le foglie, quando sono troppe difficilmente nascondono un frutto." Alexander Pope

Avatar utente
nicola sabatino
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 893
Iscritto il: 14 apr 2010, 18:38
Re: Consigli per fototrappolaggio

Messaggio da nicola sabatino » 17 ott 2014, 22:59

Quello che posso suggerirvi io, invece, che di videofototrappolaggio ho comunque un'esperienza limitata è che, soprattutto all'interno di Aree Protette o Parchi, sarebbe necessario che un monitoraggio, oltre a necessitare del permesso dell'Ente di riferimento, fosse coordinato da un Professionista che sappia come monitorare, come raccogliere i dati e come interpretarli.

Non essendo del settore, è possibile che io abbia una visione parziale o sbagliata e mi piacerebbe sapere dai più esperti cosa ne pensassero.
Mi rendo conto che anche all'interno dell'associazione Canislupus Italia ci siano opinioni discordanti ed è certo che ognuno di noi utilizzi la propria vft con scopi completamente diversi. Tra i nostri Soci, infatti, c'è chi piazza vft, con ottimi risultati, all'interno di parchi nazionali o magari anche nel proprio giardino di casa.

L'esperienza diretta di collaborazione tra CLI ed i biologi del Parco Regionale delle Apuane, dott.ssa Fazzi e dott. Lucchesi, secondo me segna un ulteriore passo in avanti nella crescita e nella maturazione di Canislupus Italia e potrebbe servire da esempio a chi, come Debora e le sue colleghe, iniziano ad approcciarsi a questa tecnica di monitoraggio.

Realtà come la nostra, che possiedono Soci preparati, osservatori attenti della Natura, studiosi e fototrappolatori di esperienza possono sicuramente apportare un ottimo contributo alla buona riuscita di un monitoraggio o di un eventuale studio, ma è più sensato, a mio avviso, che a coordinare le cose, in date situazioni, ci sia il Professionista.
Ultima modifica di nicola sabatino il 18 ott 2014, 14:00, modificato 1 volta in totale.
Nicola Sabatino, Consigliere Canislupus Italia.

Avatar utente
Michelangelo
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 837
Iscritto il: 29 gen 2012, 19:36
Re: Consigli per fototrappolaggio

Messaggio da Michelangelo » 18 ott 2014, 08:10

Sono assolutamente d'accordo con Nicola.
Michelangelo Angeloni, Consigliere Canislupus Italia.

"È inutile per la pecora essere a favore del vegetarianismo mentre il lupo continua ad avere un'opinione diversa."

Avatar utente
deborabordini
Nuovo Utente
Messaggi: 11
Iscritto il: 28 apr 2014, 15:21
Re: Consigli per fototrappolaggio

Messaggio da deborabordini » 21 ott 2014, 10:36

Sono assolutamente d'accordo anche io :-) Oltre ad essere in contatto con Duccio Berzi, stiamo prendendo contatto con esperti in videotrappolaggio per avere il loro appoggio. Noi ovviamente siamo all'inizio e siamo assolutamente consapevoli che il professionista sia essenziale. E vi ringrazio anche di tutti i preziosi consigli che mi avete scritto fino ad ora. Il progetto è davvero in una fase iniziale e speriamo davvero possa crescere nel tempo, così come anche le nostre conoscenze. :)

Avatar utente
pigrofalco
Consigliere Canislupus Italia
Messaggi: 6066
Iscritto il: 23 set 2008, 02:08
Località: Firenze
Re: Consigli per fototrappolaggio

Messaggio da pigrofalco » 21 ott 2014, 15:08

Ciao Debora e benvenuta, la domanda che si fanno i molti addetti al settore e professionisti nell'ambito della ricerca e dello studio naturalistico che leggono la pagina in questi giorni è se tu abbia firmato un progetto con il parco come Debora Bordini (retribuito o meno non ha importanza) o se del progetto sia stato ufficialmente incaricato un tecnico (biologo, zoologo, forestale etc) che tu aiuti nelle attività di campo.

Il dibattito aperto è se sia opportuno/lecito/conveniente che un semplice appassionato possa essere incaricato o anche solo partecipare a progetti di studio ufficiali commissionati da enti e/o istituzioni.

Sarebbe interessante sapere la tua opinione come anche quella dei tecnici che leggono.

Grazie a tutti.
Alessio Pieragnoli, Consigliere Canislupus Italia.

"Percorse convinto le strade dell'equilibrio e ogni volta che si trovò di fronte al bivio che indicava l'onestà tirò dritto, pensando ad uno scherzo."


Rispondi

Torna a “Foto/Video trappolaggio”